Michoacán. Una fabbrica racchiusa nel vetrocemento

Emilio Alvarez Abouchard progetta una fabbrica di raggi-x che si sviluppa in due corpi di cemento, vetro e acciaio bianco.

Emilio Alvarez Abouchard Arquitectura, X-RAY Factory, Morelia, Messico, 2018

A Morelia, in Messico, Emilio Alvarez Abouchard Arquitectura ha completato un edificio industriale luminoso in cemento, grazie all’uso estensivo di vetrocemento. Il progetto della fabbrica dei raggi-x implicava la progettazione di un ambiente di lavoro sicuro, la cui qualità è stata ulteriormente migliorata dall’introduzione di luce naturale e aria fresca. Queste strategie hanno permesso all’edificio di ottenere un uso efficiente dell’energia.

Lo schema dell’edificio è stato concepito partendo dalla separazione delle due funzioni principali, quella produttiva e quella amministrativa, in due corpi. Il primo corpo è caratterizzato da una pianta libera, mentre il secondo contiene uffici, sala riunioni, cucina, servizi igienici, docce e mensa. I materiali principali sono in cemento a vista – gettato in opera in moduli da 60 cm - blocchi di vetro e telai in acciaio bianco. Il prospetto principale, rivolto a nord e corrispondente al corpo amministrativo, è suddiviso in sei campate, articolate da una composizione di elementi strutturali su misura in acciaio bianco con tamponamento in vetrocemento, con una feritoia che separa le muratura e la copertura.

Progetto:
X-RAY Factory
Programma:
edificio industriale
Luogo:
Morelia, Michoacán, Messico
Architetto:
Emilio Alvarez Abouchard Arquitectura
Team di progetto:
Rodrigo Delgado, Estela Casillas
Area:
1,860 mq
Completamento:
2018

Ultimi articoli di Architettura

Altri articoli di Domus

Leggi tutto
China Germany India Mexico, Central America and Caribbean Sri Lanka icon-camera close icon-comments icon-down-sm icon-download icon-facebook icon-heart icon-heart icon-next-sm icon-next icon-pinterest icon-play icon-plus icon-prev-sm icon-prev Search icon-twitter icon-views icon-instagram