Cara Zaha Hadid. Una conversazione tra Alessandro Mendini e l’architetta irachena

In occasione del festival Archivissima 2020, ripubblichiamo dall’Archivio di Domus il colloquio tra il direttore Alessandro Mendini e la giovane architetta irachena, fotografata sulla copertina di maggio del 1984

L’Archivio di Domus partecipa all’edizione digitale del festival Archivissima, quest’anno dedicato alle figure femminili attivatrici di cambiamenti e trasformazioni, con un podcast una selezione di contributi d’archivio sulla storia delle redattrici e delle progettiste che hanno animato la rivista per quasi un secolo. Nella prima giornata della manifestazione, ripubblichiamo il colloquio tra Alessandro Mendini e Zaha Hadid, la giovane architetta irachena a cui il direttore dedica la copertina del maggio del 1984, firmata da Gabiele Basilico.

A. Mendini, Cara Zaha Hadid. Da Domus 650, maggio 1984.

A. Mendini: Tu sei conosciuta specialmente per i tuoi disegni di architettura, dove con virtuose tecniche unisci il linguaggio storico suprematista e quello elettronico. Come collochi la tua ricerca nel panorama dell'architettura oggi?
Z. Hadid: Non si tratta per me di collocare il mio lavoro nel panorama dell'architettura di oggi. Io speravo che potesse essere compreso non a livello di estetica o di grafica, ma per le implicazioni di una tale architettura in questo momento storico. Questo lavoro, i suoi rapporti con l'ultima parte del ventesimo secolo, il progetto territoriale per il secolo a venire. II significato della modernità al di là delle sue implicazioni formali e dell'enfasi sul programma come unico veicolo per esplorare i territori futuri dell'architettura.

AM: Tu insegni Composizione Architettonica all'Architectural Association di Londra. Pensi che l'architettura possa essere insegnata?
ZH: Possono essere insegnati i fatti, ma non il pensiero. Per me insegnare è un’esperienza di apprendimento, ed è per questo che è stimolante. II nostro ruolo come insegnanti di architettura è quello di indirizzare e guidare le generazioni future alla comprensione dell'architettura, allo sviluppo delle idee e, infine, alla realizzazione ed esecuzione di queste idee. Il progetto è una filosofia e può essere insegnato soltanto a sé stessi.

Il progetto è una filosofia e può essere insegnato soltanto a sé stessi

AM: Hai vinto da poco il concorso per il Peak di Hong Kong, uno dei più importanti concorsi banditi negli ultimi tempi. Ti senti realizzata nei disegni oppure il tuo problema è costruire?
ZH: II disegno è un mezzo molto stimolante e interessante, quello che mi dà più piacere nella rappresentazione dell'architettura. Diciamo che è quello che finora ho potuto manipolare di più. Non è usato solo per illustrare l'architettura e descriverla: attraverso di esso si possono esplorare territori di progettazione, e può anche fungere da strumento per il racconto della storia di quell'architettura. Quanto al Peak, costruirlo sarà di grande appagamento e soddisfazione, perché certo l'idea non era quella di un esercizio di abilità nel disegno.

AM: Ti interessa il design? Consideri molto diversi il design e l'architettura?
ZH: II design è un aspetto dell'architettura e a volte non possono essere separati. II design è un sistema di pensiero che non può fare assegnamento solo sul talento, perché non ci sono sostituti per l'intelligenza. Sono entrambi indispensabili all'architettura.

AM: Citami alcuni fenomeni, cose o persone che ti interessano.
ZH: Pensavo che l'epoca dei fenomeni fosse finita, o mi sbaglio? Questo potrebbe sembrare strano, ma una delle cose che mi affascinano di più è la funzione del cervello umano come forza trainante.

Cara Zaha Hadid. Una conversazione tra Alessandro Mendini e l’architetta irachena
La pagina di Domus con l'editoriale di Alessandro Mendini, Cara Zaha Hadid, in Domus 650, maggio 1984.

Ultime News

Altri articoli di Domus

Leggi tutto
China Germany India Mexico, Central America and Caribbean Sri Lanka Korea icon-camera close icon-comments icon-down-sm icon-download icon-facebook icon-heart icon-heart icon-next-sm icon-next icon-pinterest icon-play icon-plus icon-prev-sm icon-prev Search icon-twitter icon-views icon-instagram