Video: Anish Kapoor Ascension

Galleria Continua ha realizzato un video per raccontare l'installazione site-specific dell'artista indiano, che materializza il paradosso della colonna di fumo.

Il 27 novembre è l'ultima occasione per vedere Ascension di Anish Kapoor nella straordinaria Basilica di San Giorgio a Venezia, l'installazione di grandi dimensioni presentata alla 54. Esposizione Internazionale d'Arte—la Biennale di Venezia organizzata da Galleria Continua e illycaffè, a cura di Lorenzo Fiaschi con la collaborazione della Fondazione Giorgio Cini onlus e dell'Abbazia di San Giorgio Maggiore.

Ascension è un'installazione site-specific che materializza il paradosso della colonna di fumo: un vortice di fumo bianco si sprigiona da una base circolare posta in corrispondenza dell'incrocio fra transetto e navata della maestosa Basilica di San Giorgio Maggiore. L'opera, realizzata per la prima volta nello spazio dell'ex cinema di San Gimignano nel 2003, in seguito è stata ospitata nelle importanti sedi di Rio de Janeiro, Brasilia (2006) e San Paolo (2007) del Centro Cultural Banco do Brasil. Nel 2007 è stata realizzata a Pechino da Galleria Continua all'interno del 798, oggi distretto artistico di grande rilevanza culturale.

Progettata da Andrea Palladio a partire dal 1565 e conclusa dal suo allievo Vincenzo Scamozzi durante la prima decade del 1600, la Basilica diventa per la prima volta scenario per un intervento artistico contemporaneo. Realizzata in uno spazio consacrato, l'opera assume una forma completamente nuova per inserirsi nell'eccezionale contesto della Basilica rispettandone la sacralità. Qui l'installazione sembra trovare il proprio luogo ideale di realizzazione, a dimostrarlo le parole stesse dell'artista Anish Kapoor: "Nel mio lavoro, ciò che è e ciò che sembra essere molto spesso si confondono. In Ascension ad esempio, ciò che mi interessa è l'idea dell'immaterialità che diviene un oggetto, che è esattamente ciò che accade in Ascension: il fumo diventa una colonna. In quest'opera è anche presente l'idea di Mosé che seguì una colonna di fumo, una colonna di luce, nel deserto…".



Anish Kapoor è senza dubbio una delle figure di maggiore rilievo nel panorama dell'arte contemporanea internazionale. Le sue opere sono una sintesi tra materialità e spiritualità, oggetto e architettura, sono sculture dal carattere aperto, nelle quali s'instaura un dialogo tra pieno e vuoto, esterno e interno, concavo e convesso, tensione ed equilibrio, presenza ed assenza. Il vuoto come metafora della creazione assume un ruolo fondamentale nel lavoro dell'artista.

Mai un artista si è spinto così oltre nel rendere tangibile ciò che generalmente viene interpretato come vuoto. La spiritualità strettamente connessa alla spettacolarità di quest'opera ne fanno l'installazione che meglio rappresenta quell'area della ricerca artistica contemporanea che non si accontenta di stupire, ma che vuole aprire nuove e profonde riflessioni sulle questioni più delicate che l'uomo contemporaneo sta affrontando, quali il conflitto tra le religioni e il ruolo che l'arte può ancora sostenere per creare un territorio comune su cui confrontarsi.

Ultime News

Altri articoli di Domus

Leggi tutto
China Germany India Mexico, Central America and Caribbean Sri Lanka Korea icon-camera close icon-comments icon-down-sm icon-download icon-facebook icon-heart icon-heart icon-next-sm icon-next icon-pinterest icon-play icon-plus icon-prev-sm icon-prev Search icon-twitter icon-views icon-instagram