Visioni e progetti sul futuro dello spazio di lavoro

Cabinette a Valencia: se il coworking non è minimalista

Il progetto di Masquespacio per uno spazio di coworking è scintillante, retrofuturistico e incorpora le nuove regole di spaziatura.

Il progetto dello studio Masquespacio nasce con l’obiettivo di creare un ambiente fuori dagli schemi, un po’ pauperisti, del coworking e che sia in sintonia con chi ha un approccio al lavoro non convenzionale e creativo.

Tra gli elementi usati a questo scopo nella sala principale le cornici e le tende che sono invertite per mettere in discussione il modo convenzionale di usarle e far riflettere chi userà questo spazio su come vediamo ciò che normale nella nostra vita. L’uso di specchi e superfici riflettenti non solo amplia la percezione dello spazio ma ammicca al passato con uno sguardo anni ’70. Ma nel presente il visitatore si trova in una macchina del tempo che lo trasporta in uno spazio che cerca di trasmettere un’energia vibrante, gioiosa e non convenzionale.
Allo stesso tempo si avverte un tocco di ironia nello spazio che si collega perfettamente con i diversi mobili e oggetti di illuminazione, le lampade Wink, le sedie Arco e lo sgabello Déjà-Vu.

Infine, i designer spagnoli hanno fatto riferimento a Playtime, il film di Jacques Tati del 1967, in cui il protagonista a un certo punto del film ha un incontro in un ufficio pieno di “cabinettes” che si presentano come un labirinto in cui si perde.

Programma:
Coworking
Designer:
Masquespacio
Luogo:
Valencia, Spagna
Anno:
2020

Ultimi articoli di Interni

Altri articoli di Domus

Leggi tutto
China Germany India Mexico, Central America and Caribbean Sri Lanka Korea icon-camera close icon-comments icon-down-sm icon-download icon-facebook icon-heart icon-heart icon-next-sm icon-next icon-pinterest icon-play icon-plus icon-prev-sm icon-prev Search icon-twitter icon-views icon-instagram