WikiHouse: edilizia open-source

Disponibile su una piattaforma online, la WikiHouse di Architecture 00:/ è un arsenale costruttivo che sfida i dogmi industriali e intellettuali dell'architettura. Come dimostra il video del mini modulo sperimentale assemblato in diretta.

Questo articolo è stato pubblicato in origine su Domus 959 / giugno 2012

Architecture 00:/ non segue più le regole del gioco dell'East London. Lo studio si è trasferito dall'ex villetta a schiera di epoca industriale di Hackney all'attuale sede londinese: un superstudio a Westminster, a pochi passi dal numero 10 di Downing Street. I suoi associati stanno macchinando qualcosa che potrebbe proiettarli nel mondo degli animali politici.

Da questa base, la banda di architetti, geografi, sociologi e tecnologi — ricchi d'iniziativa imprenditoriale e di spirito civico — sta lavorando a progetti di edilizia, a piattaforme open-source , a iniziative comunitarie e a strategie culturali e politiche. Attenti al futuro, lavorano a progetti abitativi scaricabili dal web su scrivanie progettate con software open-source e 'stampate' a pochi chilometri dalla sede. Al centro dello studio c'è la WikiHouse , un arsenale costruttivo interamente open-source . Piante e modelli dell'abitazione sono disponibili online, insieme con le relative varianti e addizioni cui chiunque può aggiungere o sottrarre qualcosa, per progettare, realizzare e montare la propria WikiHouse.

La versione presente nello studio è parte di un prototipo, mentre il progetto vero e proprio è online e si evolve di giorno in giorno.

"È un'abitazione disponibile gratuitamente, a buon mercato, sostenibile, che risponde alle esigenze di utenti che se la possono costruire da soli", dichiara Nick Ierodiaconou, uno dei progettisti. "Assolutamente tutto ciò che è online viene pubblicato libero da diritti (dai modelli al codice delle addizioni opzionali): tutti possono usare i modelli e servirsi dei metodi produttivi e dei materiali locali per fare da sé".
La micro-costruzione sperimentale, realizzata per il Salone del Mobile di Milano lo scorso aprile, è stata il primo esperimento a utilizzare un sistema senza bulloni. Questo tipo di giunti rende l’insieme della struttura notevolmente più robusto, oltre a ridurre in modo considerevole i tempi di montaggio
La micro-costruzione sperimentale, realizzata per il Salone del Mobile di Milano lo scorso aprile, è stata il primo esperimento a utilizzare un sistema senza bulloni. Questo tipo di giunti rende l’insieme della struttura notevolmente più robusto, oltre a ridurre in modo considerevole i tempi di montaggio
Il mantra che è alla base della WikiHouse è l'aforisma di John Maynard Keynes , secondo il quale è più facile spedire le ricette che non le torte e i biscotti, mentre il metodo adottato si ispira al movimento del software open-source . Sistemi come Linux sono stati la punta di diamante di questo progetto condiviso e ci si è serviti della rete per quel che rappresenta: un'occasione di far meglio tramite la collaborazione. Il codice trascurato da qualcuno può essere usato e trasformato da qualcun altro. È certamente più facile condividere, sviluppare e costruire idee online che non tramite calce e mattoni.



Coerentemente con questi assunti, il cuore della WikiHouse è il plug-in open-source per il programma d'architettura gratuito SketchUp. Il codice è stato scritto insieme con gli Espians, una rete di programmatori che lavora su obiettivi mirati e trasforma un modello facilmente progettato con SketchUp in tavole pronte al taglio con utensili CNC, che possono essere inviate direttamente al produttore. "La WikiHouse è una poesia che parla del prossimo futuro, che corre rapidamente verso la realtà", dice Indy Johar, associato dello studio 00:/. "È una piattaforma che realizza il prototipo di una realtà di progetto socializzato che contemporaneamente democratizza la produzione, e così facendo lancia una seria sfida ai dogmi industriali e intellettuali dell'élite professionale".
La WikiHouse usa fondamentalmente un unico materiale: il compensato strutturale da 18 millimetri, in fogli di misura standard internazionale di 2.400 per 1.200 millimetri. Agganci e appigli per i pannelli di rivestimento si proiettano dal profilo dell’aletta
La WikiHouse usa fondamentalmente un unico materiale: il compensato strutturale da 18 millimetri, in fogli di misura standard internazionale di 2.400 per 1.200 millimetri. Agganci e appigli per i pannelli di rivestimento si proiettano dal profilo dell’aletta
L'affermazione di Jihar viene fatta propria da quasi tutti coloro che sono entrati in contatto con il progetto. È stata ripresa in tutto il mondo, creando un movimento. Il gruppo sta contattando i team che lavorano a unità di edilizia d'emergenza, le università e anche gli immobiliaristi più curiosi. Finora sono stati costruiti cinque prototipi di WikiHouse, ma nessuno di essi è andato in produzione: la rete ha bisogno di ampliarsi ancora un po'. "La nostra speranza è di elaborare un metodo costruttivo e offrire consulenza ai progettisti e ai costruttori, creare officine WikiHouse in tutto il Paese e migliorare e realizzare versioni più evolute. È un progetto aperto, che si fonda sulle persone che credono che l'edilizia residenziale open-source sia un problema che vale la pena di risolvere."
Il sistema costruttivo della WikiHouse si fonda su alette di compensato spaziate secondo il passo scelto per la griglia costruttiva. Le alette possono variare per dimensioni e per forma. Montate insieme e rivestite vanno a costituire una robusta intelaiatura strutturale di legno
Il sistema costruttivo della WikiHouse si fonda su alette di compensato spaziate secondo il passo scelto per la griglia costruttiva. Le alette possono variare per dimensioni e per forma. Montate insieme e rivestite vanno a costituire una robusta intelaiatura strutturale di legno

Ultimi articoli di Architettura

Altri articoli di Domus

Leggi tutto
China Germany India Mexico, Central America and Caribbean Sri Lanka Korea icon-camera close icon-comments icon-down-sm icon-download icon-facebook icon-heart icon-heart icon-next-sm icon-next icon-pinterest icon-play icon-plus icon-prev-sm icon-prev Search icon-twitter icon-views icon-instagram