Architetti, copiate!

The Why Factory pubblica “Copy Paste” un manuale per studenti che insegna a copiare: recuperare l’antico per creare città come ready made di Duchamp. L’importante è citare l’autore.

Copy Paste: Bad Ass Copy Guide, pagine tratte dal libro

“Free from eternal guilt”. La colpa (originale) dell’arte non è cogliere una mela dall’albero della conoscenza, ma copiarla. Nel libro “Copy Paste: The badass architectural copy guide” a opera di  The Why Factory – scritto da Felix Madrazo e Winy Maas – si insegna a copiare bene, usando un sistema di referenze e citazioni simile a quello usato nell’accademia, e lo spiega Felix Madrazo.  Scritto con lo stesso stile provocatorio di un manifesto, “Copy Paste” non lo è. “È un manuale che contiene istruzioni pratiche su come copiare”. Ovvero un manuale per studenti di architettura su come copiare bene, ma soprattutto “nel giusto”. E serve per due ragioni: una estetica e l’altra funzionale.

Copy Paste: Bad Ass Copy Guide, pagine tratte dal libro
Copy Paste: Bad Ass Copy Guide, pagine tratte dal libro

Partiamo dalla bellezza, che in ogni caso salverà il mondo. L’originalità è un’ossessione da architetti, ma mica sono i soli: l’individualità, il personalismo sono tendenza postmoderne culturali e politiche. L’originalità a tutti i costi può produrre dei freaks, mostri, frutto di una volontà estrema a caratterizzarsi. Ed è nel freak che il postmoderno raggiunge il suo apice ma svela anche le sue debolezze. La verità, come scrivono in questo libro, è che non abbiamo bisogno di forme nuove, se le funzioni sono sempre quelle. Suggeriscono quindi una cultura della “copia”, dell’esistente. Non è certamente una novità nel mondo dell’arte: se ne parla dal Rinascimento, non si trattava di “copia”, ma di emulazione: ovvero di una reinterpretazione di forme esistenti. J.L. Borges (citato nel libro) descriveva un Pierre Menard che riscriveva il Don Chisciotte identico a quello di Cervantes. Che cosa cambiava? Il contesto. Scrive lo scrittore argentino: “Il testo di Cervantes e il testo Menard sono verbalmente identici, ma il secondo è quasi infinitamente più ricca più ambigua che i suoi detrattori diranno – ma l’ambiguità è ricchezza”. 

Copy Paste: Bad Ass Copy Guide, pagine tratte dal libro
Copy Paste: Bad Ass Copy Guide, pagine tratte dal libro

Why Factory nel manuale propone un gioco, Games of clones, che consiste nell’inserire edifici già noti in nuovi contesti: insomma ricontestualizzare. Ma ricontestualizzare l’esistente non produce freaks ancora peggiori, con una personalità ancora più forte? “No” spiega Madrazo, “Il contesto spiegato da Koolhaas diventa debole quando le specificità culturali sono sovrapposte. Lui sostiene in maniera liberatoria che ‘l’inerte non può contrapporsi al significato’, ovvero la copia è per definizione innocente, non sarà mai la stessa”. Insomma, è lo stesso contesto a dare un nuovo significato, persino autoriale, senza però sovrapporsi alla creazione. La copia è un’operazione che va svolta nella chiarezza: “Noi non proponiamo l’anonimia, ma proponiamo un sistema di citazioni simile a quello usato nell’accademia”.

Veniamo poi alla funzionalità che salva il qui e ora. Da un punto di vista pratico, secondo Why Factory, riprendere o “copiare” l’esistente implica un processo di produzione più facile, più veloce. E certamente non va dimenticato l’aspetto “funzionale” del mestiere. Quindi se con tutto questo gioco a una ricontestualizzazione si recupera il ready made, dall’altro non va certamente scisso il progetto dall’ aspetto funzionale. Conclude Madrazo “Gli architetti devono rispondere a delle richieste, non avremo mai la stessa libertà di Duchamp. Ma la proposta di Adolf Loos nella gara del Chicago Tribune mostra la possibilità di copiare e incollare in una prospettiva meno funzionale”. Loos trasforma la torre del giornale in una colonna dorica, facendo riferimento alle “columns” del giornale. Non praticabile.

Però nuovo, antico, significativo e autorale (insomma: un’opera d’arte)    

Copy Paste: Bad Ass Copy Guide, pagine tratte dal libro
Copy Paste: Bad Ass Copy Guide, pagine tratte dal libro
Titolo:
Copy Paste: The Badass Architectural Copy Guide
Autori:
Felix Madrazo, Winy Maas
Editore:
Nai010
Anno:
2017
Prezzo:
29,95 euro

Ultimi articoli di Architettura

Altri articoli di Domus

China Germany India Mexico, Central America and Caribbean Sri Lanka icon-camera close icon-comments icon-down-sm icon-download icon-facebook icon-heart icon-heart icon-next-sm icon-next icon-pinterest icon-play icon-plus icon-prev-sm icon-prev Search icon-twitter icon-views