Un incubatore aperto: la rinascita di Manifattura Tabacchi

Con la ristrutturazione dell’edificio 9, l’ex fabbrica di sigarette MS lancia un prototipo di spazio collettivo per l’arte e il design che respira l’aria delle piante di Mancuso.

Manifattura Tabacchi, foto Niccolò Vonci

Dopo le residenze d’artista lanciate nel 2018, Manifattura Tabacchi svela il suo progetto più ambizioso: una joint venture tra pubblico e privato che usa l’arte contemporanea e l’impresa creativa come passepartout per un’operazione immobiliare da 200 milioni di euro.  

Per avviare l’ambizioso progetto per la fabbrica di tabacco toscana – parliamo di un’ex area industriale di 100.000 mq, a 20 minuti a piedi dalla stazione di Firenze Santa Lucia – si è partiti dalla riqualificazione dell’edificio 9 (il B9, building 9), di circa 3000 mq tra interni ed esterni, che vuole essere un prototipo della manifattura del domani: sostenibile, aperta al pubblico, con laboratori artigianali, studi di design e corredata di un fitto calendario di eventi culturali.

Oltre all’ala degli artigiani e al complesso che ospita le residenze d’artista, Manifattura ospiterà la nuova sede del Polimoda Firenze (presieduto da Ferruccio Ferragamo), uno Student Hotel, residenze private, concept store e co-working, e la piazza dell’orologio con area giochi per bambini per ospitare grandi eventi. Protagonisti dell’iniziativa il gruppo inglese Aermont, che detiene il 37,5% delle quote, e la Cassa Depositi e Prestiti, che ne detiene il rimanente 62,5% – percentuali destinate a ribaltarsi nel giro di pochi anni.

La fabbrica venne dismessa nel 2001, due anni prima della grande privatizzazione del tabacco in Italia, quando l’Eti (la società che aveva ereditato dal Monopolio di Stato la produzione e distribuzione dei tabacchi made in Italy) venne ceduto al colosso Philip Morris.

Distribuita su 13 edifici, si ritiene, a ragion veduta, che fu proprio Pier Luigi Nervi a progettarla negli anni ’30, all’epoca proprietario di Nervi e Bartoli, l’impresa edile che la costruì. Oggi si presenta come un’affascinante archeologia industriale razionalista il cui carattere ha fortemente influenzato l‘attuale ristrutturazione del corpo B9, progettata dallo studio fiorentino Q-bic, che ha voluto mantenere intatta l’anima del luogo.

“Ci siamo trovati di fronte a un luogo in abbandono, dove le cose si stavano sciupando e rompendo, e dove le piante stavano prendendo possesso delle strade e degli interni”, spiega Luca Baldini di Q-bic. “Ci sembrava tutto così bello che l’effettiva difficoltà era riuscire a fare qualcosa qua dentro senza perdere il sapore e il calore del luogo. Quindi abbiamo lasciato lo spazio quasi intatto, anche se non l’avremmo voluto fare”, racconta ridendo.

Lasciando intatte le pareti originali e recuperando arredi di modernariato, l’intervento più significativo è la partizione longitudinale vetrata dell’open space, dove su un lato sono stati ricavati gli studi artigiani. La grande parete è formata da porte girevoli ottenute dal recupero di finestre prese dai corpi di fabbrica abbandonati.

Entrando nell’edificio, sulla destra, si trova la Fabbrica dell’aria di Stefano Mancuso: un sistema di filtraggio dell’aria che usa le piante, ideato dal team di architetti e botanisti Pnat insieme al neurobiologo, autore di Plant Revolution. Si tratta, di fatto, di una serra posizionata lungo la parete perimetrale che mette in relazione interno ed esterno. Al suo interno viene convogliata l’aria dell’ambiente attraverso tubi di areazione; questa viene poi trattata, purificata e rigettata nella stanza.

L’aria che si respira, in effetti, è estremamente fresca, umida e dal vago aroma vegetale. La filtrazione botanica degrada gli inquinanti dell’aria grazie alle attività biologiche delle piante, che li trattengono con la propria biomassa. Tutta l’operazione è monitorata costantemente da schermi che restituiscono i risultati di uno spettometro di massa che indentifica l’intero spettro dei composti volatili. Gli inquinanti atmosferici sono così ridotti del 97%, con una depurazione totale di 5.000 metri cubi di aria all’ora. “Qui stiamo purificando uno spazio relativamente piccolo, ma si può pensare, un domani, di trasformare un capannone industriale in una serra che purifica l’intero quartiere di una città”, racconta Antonio Girardi di Pnat.

Stefano Mancuso e Pnat, Fabbrica dell‘aria, Manifattura Tabacchi, 2019. Foto Niccolò Vonci
Stefano Mancuso e Pnat, Fabbrica dell‘aria, Manifattura Tabacchi, 2019. Foto Niccolò Vonci

In questa fase iniziale più sperimentale, la commistione tra design, moda, artigianato, arte e scienza, unita al fitto programma di eventi che comprende musica e cinema, sembra il modo ideale per lanciare un potente progetto culturale su Firenze, democratico e aperto a tutti. Nell’attesa delle evoluzioni dei prossimi anni, certamente più commerciali, questo è forse il momento migliore per sfruttarne tutte le potenzialità, da spettatori e creativi.

Luogo:
Manifattura Tabacchi
Indirizzo:
via delle Cascine 33-35, Firenze

Ultime News

Altri articoli di Domus

Leggi tutto
China Germany India Mexico, Central America and Caribbean Sri Lanka Korea icon-camera close icon-comments icon-down-sm icon-download icon-facebook icon-heart icon-heart icon-next-sm icon-next icon-pinterest icon-play icon-plus icon-prev-sm icon-prev Search icon-twitter icon-views icon-instagram