Yona Friedman in mostra presso il castello di Rochechouart

Il centro espositivo francese accoglie una personale dell’architetto e teorico ungherese.

Yona Friedman: Les villes imaginées, Castello di Rochechouart, Francia © ADAPG

Dopo l’importante retrospettiva dedicatagli lo scorso anno dal MAXXI di Roma, Yona Friedman è nuovamente in mostra, questa volta presso il castello di Rochechouart, in Francia. Intitolata “Yona Friedman: Les villes imaginées”, attraverso installazioni, disegni e video immersi nel contesto medievale del museo, l’esposizione ripercorre 60 anni di attività e riflessioni del grande teorico e architetto ungherese.

Partigiano di un’idea di architettura senza architetti, Friedman è sempre stato guidato da una visione utopica della società, come espresso nelle sue numerose pubblicazioni, tra cui “Mobile Architecture” del 1958. Simbolo del suo pensiero sulla pratica architettonica e sull'autodeterminazione degli utenti, l’opera “Space Chain” – una struttura leggera improvvisata fatta di cerchi di alluminio – è posizionata nel cortile d’ingresso del castello. Qui i visitatori sono invitati a partecipare attivamente, aggiungendo nuovi elementi alla composizione. Una scelta curatoriale e scenografica che ben esemplifica l’interesse dell’architetto riguardo i metodi d’interazione tra il paesaggio urbano e gli abitanti.    

Il percorso espositivo evidenzia anche l’altro aspetto fondamentale della produzione di Friedman, i suoi disegni. Sviluppati come mezzo di comunicazione per raggiungere un pubblico più vasto in contesti di scarsa alfabetizzazione, i manuali che pubblicò insieme all’UNESCO negli anni Settanta e Ottanta, usavano forme essenziali – piccoli cubi e figure stilizzate – per insegnare agli abitanti a costruire strutture mobili e flessibili o strumenti per raccogliere l’acqua piovana. Un vocabolario visivo che la mostra di Rochechouart abbraccia pienamente, con la realizzazione di un gigantesco fumetto che ricopre le pareti bianche del museo. Il personaggio principale di questa storia è un unicorno. Come sottolinea Sébastien Foucan, direttore di Rochechouart, “l’unicorno esprime la società ideale immaginata da Yona, che propone di mettere in pratica attraverso quelle che lui stesso definisce ‘semplici verità’.” Una società ideale dove “tutti sono accolti e dove uccidere per mangiare non è giustissimo”, come si legge su uno dei muri.

Yona Friedman, Les villes imaginées, Castello di Rochechouart, Francia © ADAPG
Yona Friedman, Les villes imaginées, Castello di Rochechouart, Francia © ADAPG
Titolo:
Yona Friedman: Les villes imaginées
Date di apertura:
9 marzo – 17 giugno 2018
Luogo:
Castello di Rochechouart, Place du Château, Rochechouart, Francia

Ultime News

Altri articoli di Domus

Leggi tutto
China Germany India Mexico, Central America and Caribbean Sri Lanka icon-camera close icon-comments icon-down-sm icon-download icon-facebook icon-heart icon-heart icon-next-sm icon-next icon-pinterest icon-play icon-plus icon-prev-sm icon-prev Search icon-twitter icon-views