Cile. Alejandro Soffia disegna casa Shotgun usando pannelli SIP

L’edificio fa parte di una serie di nove case, un esperimento di prefabbricazione per produrre diversi risultati spaziali e volumetrici.

Alejandro Soffia, interni della Shotgun house, Cachagua, Cile, 2017

La casa Shotgun a Cachagua è il nono di una serie di edifici residenziali frutto della sperimentazione di Alejandro Soffia con il sistema costruttivo a pannelli coibentati strutturali. In questo caso particolare, l’architetto applica il sistema alla tipologia della casa Shotgun, una casa tradizionale americana composta principalmente da una teoria di stanze disposte linearmente con una porta per ogni estremità della casa.

Il sistema di costruzione di pannelli SIP combina struttura e isolamento termico, fungendo da modulo che definisce le dimensioni della costruzione. La distribuzione dei pannelli è infatti ottimizzata per comporre una serie di 33 campate sullo stesso asse per un totale di 40 metri. L’edificio è diviso in due unità abitative in cui i nuclei che organizzano gli interni sono le zone giorno a doppia altezza. In ogni unità una passerella sospesa collega le stanze al primo piano, dove il rivestimento interamente di legno enfatizza la verticalità del tetto a falde.

Progetto:
Shotgun house
Luogo:
Los Maitenes, Cachagua, Cile
Tipologia:
residenziale
Collaboratore:
Francesco Borghi
Strutture:
José Manuel Morales
Costruzione:
Mauricio Jara
Completamento:
2017

Ultime News

Altri articoli di Domus

Leggi tutto
China Germany India Mexico, Central America and Caribbean Sri Lanka icon-camera close icon-comments icon-down-sm icon-download icon-facebook icon-heart icon-heart icon-next-sm icon-next icon-pinterest icon-play icon-plus icon-prev-sm icon-prev Search icon-twitter icon-views