Oscar Tusquets Blanca: stazione Toledo

Progettata dall'architetto catalano con installazioni musive di William Kentridge e opere di Bob Wilson e Achille Cevoli, la Stazione Toledo — completamente rivestita di mosaici Bisazza — riprende i temi della luce e del mare.

Recentemente inaugurata e firmata dall'architetto catalano Oscar Tusquets Blanca , la nuova stazione Toledo della metropolitana di Napoli si rivela un progetto scenografico, caratterizzato da una grande spettacolarità. Il mosaico Bisazza decora ampi spazi di uno dei vari livelli di cui è composta questa stazione, con una sfumatura di tessere nelle tonalità azzurra-blu, che evoca un'atmosfera sottomarina in un uno scenario suggestivo.

La Stazione prende il nome dalla Via Toledo, ora chiamata via Roma, costruita nel 1536 per volontà del vicerè Pedro Alvares de Toledo per unire due delle principali Piazze cittadine, l'attuale Piazza Dante e Piazza Trieste e Trento. La strada, parzialmente pedonalizzata, è una delle più frequentate arterie dello shopping cittadino e una delle principali mete turistiche, già nota ai tempi del gran Tour, grazie ai numerosi e splendidi Palazzi d'epoca. La stazione si trova alla confluenza tra via Diaz e via Montecalvario e si pone come porta d'accesso ai Quartieri Spagnoli, grazie anche alla seconda uscita Montecalvario, attualmente in costruzione. Profonda quasi 50 metri con un volume di 43.000 metri cubi , il succedersi dei colori al suo interno sottolinea e rimarca, man mano che si scende, i diversi livelli di profondità: il nero della terra, l'ocra del tufo, l'azzurro del mare.
Oscar Tusquets Blanca, mosaico Bisazza, stazione Toledo della metropolitana di Napoli, 2012
Oscar Tusquets Blanca, mosaico Bisazza, stazione Toledo della metropolitana di Napoli, 2012
Durante i lavori di scavo sono emersi notevoli testimonianze del passato dell'antica città , dal primo suolo arato del paleolitico (il calco è attualmente al Museo Nazionale) fino alle murazioni di epoca aragonese restaurate e integrate nelle finiture di stazione. Negli spazi interni sono stati affiancati reperti archeologici e opere d'arte contemporanea.

Il progetto firmato dall'architetto catalano Oscar Tusquets Blanca, è ispirato ai due grandi temi della luce e dell mare. La luce naturale penetra attraverso aperture esagonali che dalla superficie raggiungono i piani più profondi. I diversi strati di terreno sono evidenziati dall'uso del colore e dei materiali, dal nero della terra al giallo del tufo e della pietra, fino al celeste della falda e all'azzurro intenso del mare. Completamente pedonalizzato, l'ultimo tratto di via Diaz si trasformerà in un salotto all'aperto adatto al riposo dei passanti, un respiro di tranquillità per l'affollata via Toledo.
Oscar Tusquets Blanca, mosaico Bisazza, stazione Toledo della metropolitana di Napoli, 2012
Oscar Tusquets Blanca, mosaico Bisazza, stazione Toledo della metropolitana di Napoli, 2012
La stazione Toledo fa parte del circuito delle Stazioni dell'Arte della Metropolitana di Napoli e ospita installazioni musive di William Kentrige dove le figure della mitologia e della iconografia napoletana si susseguono in processione, light boxes con pannelli lenticolari che riproducono le onde del mare di Bob Wilson ed una grande riproduzione del lavoro in galleria dell'artista Achille Cevoli. Il 3 dicembre di quest'anno il Daily Thelegraph ha designato Stazione Toledo la più bella Stazione di metropolitana d'Europa.
I diversi strati di terreno sono evidenziati dall'uso del colore e dei materiali, dal nero della terra al giallo del tufo e della pietra, fino al celeste della falda e all'azzurro intenso del mare
Oscar Tusquets Blanca, mosaico Bisazza, stazione Toledo della metropolitana di Napoli, 2012
Oscar Tusquets Blanca, mosaico Bisazza, stazione Toledo della metropolitana di Napoli, 2012
Le Stazioni dell'Arte nascono da un progetto promosso dall'amministrazione comunale per rendere i luoghi della mobilità più attraenti e offrire a tutti la possibilità di un incontro con l'arte contemporanea. Gli spazi interni ed esterni delle stazioni hanno accolto, con il coordinamento artistico di Achille Bonito Oliva , oltre 180 opere di 90 tra i più prestigiosi autori contemporanei, costituendo uno degli esempi più interessanti di museo decentrato e distribuito sull'intera area urbana, un museo che non è spazio chiuso, luogo di concentrazione delle opere d'arte, ma percorso espositivo aperto, per una fruizione dinamica del manufatto artistico. La realizzazione delle stesse stazioni, affidata ad architetti di fama internazionale ha rappresentato un momento di forte riqualificazione di vaste aree del tessuto urbano.
Oscar Tusquets Blanca, mosaico Bisazza, stazione Toledo della metropolitana di Napoli, 2012
Oscar Tusquets Blanca, mosaico Bisazza, stazione Toledo della metropolitana di Napoli, 2012
Robert Wilson, <i>By the sea...you and me</i>, pannelli lenticolari retroilluminati, Stazione Toledo della metropolitana di Napoli, 2012
Robert Wilson, By the sea...you and me , pannelli lenticolari retroilluminati, Stazione Toledo della metropolitana di Napoli, 2012
William Kentridge, <i>Naples Procession</i>, 1884, mosaico in tessere di marmo e pasta vitrea, Stazione Toledo della metropolitana di Napoli, 2012
William Kentridge, Naples Procession , 1884, mosaico in tessere di marmo e pasta vitrea, Stazione Toledo della metropolitana di Napoli, 2012
William Kentridge, <i>Naples Procession</i>, 1884, mosaico in tessere di marmo e pasta vitrea, Stazione Toledo della metropolitana di Napoli, 2012
William Kentridge, Naples Procession , 1884, mosaico in tessere di marmo e pasta vitrea, Stazione Toledo della metropolitana di Napoli, 2012

Ultime News

Altri articoli di Domus

Leggi tutto
China Germany India Mexico, Central America and Caribbean Sri Lanka Korea icon-camera close icon-comments icon-down-sm icon-download icon-facebook icon-heart icon-heart icon-next-sm icon-next icon-pinterest icon-play icon-plus icon-prev-sm icon-prev Search icon-twitter icon-views icon-instagram