Casa sociale Caltron

Con un’architettura semplice, le cui doghe verticali in legno riecheggiano il ritmo dei meleti circostanti, Mirko Franzoso Architetto disegna la soglia tra il piccolo nucleo urbano di questa frazione della Val di Non e il verde agricolo.

Mirko Franzoso Architetto, Casa sociale Caltron, Cles, Trento
Il progetto per la nuova casa sociale di Caltron, affronta il delicato compito di inserirsi in un ambito di paesaggio che funge da soglia tra l’edificato della frazione e il verde agricolo.
L’obiettivo principale è perciò quello di integrarsi sia con i manufatti storici esistenti, sia con le trame dei frutteti che disegnano il territorio rurale di tutta la val di Non. La lettura critica di questi due sistemi, la volontà di pensare a un’opera contemporanea e sostenibile, sono i cardini del progetto.
Mirko Franzoso Architetto, Casa sociale Caltron, Cles, Trento
Mirko Franzoso Architetto, Casa sociale Caltron, Cles, Trento

Il risultato è un’architettura semplice, adagiata in modo naturale sul terreno, e posata su un basamento poderoso. L’edificio è compatto e proporzionato per garantire la continuità con il tessuto urbano della borgata. La facciata, con il suo ritmo di pieni e vuoti scandito dai pilastri continua la successione dei meli senza alterarne tonalità e materia. La struttura portante e il rivestimento sono in legno. I fianchi nord e sud sono rivestiti con doghe verticali di legno di larice, mentre i fronti lunghi a est e ovest sono disegnati dalla scansione verticale dei pilastri. I serramenti sono arretrati e protetti dal piano di facciata per generare una continuità di rapporto tra interno ed esterno, oltre a mitigare l’effetto del sole nelle sale interne.

Il volume interrato sostiene e avvolge tutto l’intervento con il suo lungo nastro monolitico in calcestruzzo lavato e colorato che abbraccia il parcheggio, il parco giochi e la casa sociale. Il porfido locale che emerge dalla lavatura del calcestruzzo armonizza la tonalità del muro con l’ambiente naturale del contesto. Un’ampia nicchia in legno che accoglie e protegge chi entra nell’edificio mitiga e alleggerisce la presenza del lungo muro in calcestruzzo.

Mirko Franzoso Architetto, Casa sociale Caltron, Cles, Trento
Mirko Franzoso Architetto, Casa sociale Caltron, Cles, Trento

La nuova casa sociale per l’abitato di Caltron è un punto d’incontro per gli abitanti, dove bambini, giovani, adulti ed anziani possono incontrarsi, confrontarsi e fare crescere insieme l’identità della comunità.

Il piano terra è raggiungibile a piedi dal parcheggio previsto in planimetria nella zona più a sud dell’area. La distribuzione interna è molto semplice e chiara: l’ingresso avviene direttamente nella sala riunioni, uno spazio completamente libero da ingombri, flessibile e modificabile in funzione delle esigenze, di circa 50 mq. Da qui è possibile accedere al bagno, a un piccolo ufficio e alla cucina, locali posti nella parte più a nord del manufatto. La parete esposta a est è realizzata completamente in vetro, in modo da garantire un’adeguata luminosità a tutti i locali.

Salendo al piano superiore si arriva in un ampio spazio coperto completamente libero. Da qui si può godere del panorama della valle da un punto più alto rispetto al piano strada. I pilastri in legno perimetrali che sostengono la copertura fungono anche da frangisole e aumentano la privacy all’interno dello spazio. La terrazza è accessibile direttamente dalla strada a monte oppure dal vano scala comune interno all’edificio.


Casa sociale Caltron, Cles, Trento
Programma : centro sociale
Architetti : Mirko Franzoso Architetto
Committente : Comune di Cles
Impresa : Mak Costruzioni
Costo : €750.000
Area : 440 mq
Completamento : 2015

Ultimi articoli di Architettura

Altri articoli di Domus

Leggi tutto
China Germany India Mexico, Central America and Caribbean Sri Lanka Korea icon-camera close icon-comments icon-down-sm icon-download icon-facebook icon-heart icon-heart icon-next-sm icon-next icon-pinterest icon-play icon-plus icon-prev-sm icon-prev Search icon-twitter icon-views icon-instagram