Biennale di Venezia 1980: la Strada Novissima

In attesa della 13. Mostra Internazionale di Architettura Common Ground, riproponiamo un testo di Charles Jencks sulla prima edizione diretta da Paolo Portoghesi, The Presence of the Past.

Pubblicato in origine su Domus 610 / ottobre 1980

The Presence of the Past

A proposito del Post-Modernism sono sorti molti malintesi, forse a causa del successo stesso del termine e del suo svariato, o addirittura troppo vago uso. È possibile che ambiguità e successo siano collegati, in quanto la vaghezza della definizione conduce sia i Modernisti che gli anti-modernisti a leggervi tutto ciò che vogliono. La moda può certo essere liberatoria, così come la vaghezza e il pluralismo, soprattutto quando il Modernismo (e forse anche il tardo-modernismo) tendono a divenire più dottrinari ed esclusivisti.

Per tutti questi motivi nel 1975 mi son deciso ad usare il termine per indicare sei diramazioni dal Modernismo (The Rise of Post-Modern Architecture, Eindhoven, 1975): diramazioni, dunque, da una comune tradizione più che reazioni contro di essa. Queste sei tendenze del post-modernismo (in lettere minuscole) - storicismo, neo-vernacolare, adocismo, contestualismo, architettura metaforica e metafisica, e quella che lavora sull'ambiguità dello spazio - sono chiaramente distinte le une dalle altre, ma hanno anche una radice comune: il ricorso al "doppio-codice". Inoltre sono tutte in parte ancora Moderne (per via della tradizione da cui discendono) e in parte qualcosa d'altro. Per cui la definizione del Post-Modern fa perno sulla nozione di "doppio-codice", definizione più rigorosa che mi si è chiarita solo dopo la prima edizione del mio libro nel 1977. Definizione che contrappone questo gruppo eterogeneo di tendenze a quelli con cui vengono spesso confusi, i Late-Modernists.

In apertura: dettaglio pagine interne Domus 605 / aprile 1980. Biennale di Architettura di Venezia 1980 <em>The Presence of the Past</em>, proposta di Charles Jencks. Qui sopra: vedute della Strada Novissima
In apertura: dettaglio pagine interne Domus 605 / aprile 1980. Biennale di Architettura di Venezia 1980 The Presence of the Past, proposta di Charles Jencks. Qui sopra: vedute della Strada Novissima
Ancora oggi giornalisti, redattori e pubblico continuano a fare confusione tra questi due indirizzi basilari. Pensano infatti che tutto ciò che appare ludico, strano, più Moderno del Moderno, sia automaticamente Post-Modern: ecco perché, ad esempio, Peter Eisenman diventa un Post-Modernist.
Dettaglio pagine interne Domus 605 / aprile 1980. Biennale di Architettura di Venezia 1980 <em>The Presence of the Past</em>, la facciata di Graves in costruzione
Dettaglio pagine interne Domus 605 / aprile 1980. Biennale di Architettura di Venezia 1980 The Presence of the Past, la facciata di Graves in costruzione
È chiaro che l'ambiguità e la sorpresa dei suoi spazi lo collocano in tale categoria, ma è altrettanto chiaro che le sue posizioni anticonvenzionali e antisimboliche sono Late-Modern. Dobbiamo concludere che l'ambiguità del termine è dunque condivisa dal pubblico, dai giornalisti e dagli architetti. Avendo presente tale distinzione, divengono chiari una serie di altri punti: il filone principale del P-M (Venturi, Moore, Stern, e ora Hollein, Stirling, Philip Johnson, Bofill) dovrebbe essere distinto da tutte le altre correnti, così come un movimento consapevole si distingue all'interno di un più vasto schieramento culturale.
Dettaglio pagine interne Domus 605 / aprile 1980. Biennale di Architettura di Venezia 1980 <em>The Presence of the Past</em>. A sinistra disegno di Robert A. M. Stern; a destra disegno di Michael Graves
Dettaglio pagine interne Domus 605 / aprile 1980. Biennale di Architettura di Venezia 1980 The Presence of the Past. A sinistra disegno di Robert A. M. Stern; a destra disegno di Michael Graves
Va inoltre considerato che il Classicismo Post-Modern è ormai uno stile chiaramente identificabile e una precisa impostazione filosofica (che assembla frammenti di contestualismo, eclettismo, semiotica e altre particolari tradizioni architettoniche). Leon Krier, e persino Aldo Rossi, hanno cominciato a muoversi verso tale direzione (anche se continuano a nutrire diffidenza per tutto ciò che sa di americano).
Dettaglio pagine interne Domus 605 / aprile 1980. Biennale di Architettura di Venezia 1980 <em>The Presence of the Past</em>, proposta di Rem Koolhaas (OMA)
Dettaglio pagine interne Domus 605 / aprile 1980. Biennale di Architettura di Venezia 1980 The Presence of the Past, proposta di Rem Koolhaas (OMA)
Lo storico del 2000 potrà distinguere il Classicismo del P-M dai vari professionisti p-m - allo stesso modo che personaggi come Kroll ed Erskine, in altri contesti, che hanno abbandonato il Modernismo senza per questo però sposare l'ideologia del Classicismo Stile Libero. Analogamente potrà accadere che egli si occupi dei partecipanti alla Biennale 1980, accorgendosi che essi coprono solo una parte delle istanze post-modern - quella storicistica.
dettaglio pagine interne Domus 605 / aprile 1980. Biennale di Architettura di Venezia 1980 <em>The Presence of the Past</em>. Facciata di Oswald Mathias Ungers
dettaglio pagine interne Domus 605 / aprile 1980. Biennale di Architettura di Venezia 1980 The Presence of the Past. Facciata di Oswald Mathias Ungers
Naturalmente Paolo Portoghesi e la commissione (Scully, Norberg Schulz, il sottoscritto, ecc.) hanno preso in considerazione quegli architetti che più si avvicinavano al tema scelto da Portoghesi per questa Biennale - La Presenza del Passato - e ai suoi interessi (per un linguaggio perduto dell' architettura). Ciò ha comportato l'esclusione di molti post-modernists e una particolare enfasi della Scuola Post-Modern. Il termine ha finito così con l'essere cooptato nel sottotitolo della mostra ad uso e consumo di una polemica in parte settaria.
Dettaglio pagine interne Domus 605 / aprile 1980. Biennale di Architettura di Venezia 1980 <em>The Presence of the Past</em>. A sinistra facciata di Thomas Gordon Smith; a destra facciata di Venturi, Rauch e Scott Brown
Dettaglio pagine interne Domus 605 / aprile 1980. Biennale di Architettura di Venezia 1980 The Presence of the Past. A sinistra facciata di Thomas Gordon Smith; a destra facciata di Venturi, Rauch e Scott Brown
Bisognava rifiutarsi? Si grida allo scandalo forse quando si sentono delle definizioni del Modernismo come "razionalismo strutturale" (Viollet-Ie-Duc) o come "responsabilità sociale" (William Morris) o una qualsiasi delle altre formulazioni ricorrenti?
Per ovviare all'ambiguità e alla polisemia di tale termine, ho cercato in Late-Modern Architecture, di tirar fuori le trenta principali definizioni di architettura Moderna, Tardo-Moderna e Post-Moderna e di disporle tutte insieme in una sorta di tavola comparativa.
Dettaglio pagine interne Domus 605 / aprile 1980. Biennale di Architettura di Venezia 1980 <em>The Presence of the Past</em>. Facciata di Hans Hollein
Dettaglio pagine interne Domus 605 / aprile 1980. Biennale di Architettura di Venezia 1980 The Presence of the Past. Facciata di Hans Hollein
Dettaglio pagine interne Domus 605 / aprile 1980. Biennale di Architettura di Venezia 1980 <em>The Presence of the Past</em>. A sinistra le Corderie prima del restauro; a destra disegno di Stanley Tigerman
Dettaglio pagine interne Domus 605 / aprile 1980. Biennale di Architettura di Venezia 1980 The Presence of the Past. A sinistra le Corderie prima del restauro; a destra disegno di Stanley Tigerman
Dettaglio pagine interne Domus 605 / aprile 1980. Biennale di Architettura di Venezia 1980 <em>The Presence of the Past</em>. A sinistra disegno di Franco Purini e Laura Thermes; a destra disegno di Massimo Scolari
Dettaglio pagine interne Domus 605 / aprile 1980. Biennale di Architettura di Venezia 1980 The Presence of the Past. A sinistra disegno di Franco Purini e Laura Thermes; a destra disegno di Massimo Scolari
Dettaglio pagine interne Domus 605 / aprile 1980. Biennale di Architettura di Venezia 1980 <em>The Presence of the Past</em>. A sinistra disegno di Arata Isozaki; a destra disegno di Frank O. Gehry
Dettaglio pagine interne Domus 605 / aprile 1980. Biennale di Architettura di Venezia 1980 The Presence of the Past. A sinistra disegno di Arata Isozaki; a destra disegno di Frank O. Gehry

Articoli più recenti

Altri articoli di Domus

Leggi tutto
China Germany India Mexico, Central America and Caribbean Sri Lanka Korea icon-camera close icon-comments icon-down-sm icon-download icon-facebook icon-heart icon-heart icon-next-sm icon-next icon-pinterest icon-play icon-plus icon-prev-sm icon-prev Search icon-twitter icon-views icon-instagram