Stazione Napoli-Afragola

Firmata da Zaha Hadid Architects, la nuova stazione ferroviaria Napoli Afragola è un edificio-ponte dove il percorso dei passeggeri determina la geometria dello spazio.

Zaha Hadid Architects, Napoli-Afragola
Cemento armato, rivestimento di Corian, carpenteria d’acciaio e pannelli vetrati sono gli ingredienti usati da Zaha Hadid Architects per la nuova stazione Napoli Afragola per l’Alta Velocità, una sorta di ponte sopra i binari, con una lunghezza di circa 400 metri e una larghezza di circa 44 metri. L’edificio-ponte è nato con l’intento di superare la barriera costituita dalla linea ferroviaria esistente, con una passerella che integra il territorio avvolgendo i binari, creando un secondo polo oltre a Napoli Centrale.

 

Napoli Afragola è costituita da grandi vetrate sostenute da pareti d’acciaio e calcestruzzo, “a filo” con il rivestimento in corian. Viene creato così un effetto di continuità tra le pareti opache e quelle trasparenti. L’area occupata dalla stazione si trova in un sito rurale di grandi dimensioni a nord di Napoli, ai piedi del Parco Regionale del Partenio. Il linguaggio architettonico proposto, basato sull’articolazione del movimento, è declinato anche all’interno della costruzione, dove è il percorso dei passeggeri a determinare la geometria dello spazio.

Zaha Hadid Architects, Napoli-Afragola
Zaha Hadid Architects, Stazione Napoli-Afragola, dettaglio della struttura, Napoli, 2017
Il secondo livello ospiterà le biglietterie e i servizi per i viaggiatori, come le sale di accoglienza delle imprese ferroviarie di trasporto che faranno servizio nella nuova stazione, mentre il terzo e quarto livello saranno dedicati ai servizi commerciali. Dal punto di vista tecnologico, lo schema del ponte permette al corpo principale dell’edificio di essere orientato secondo i migliori criteri di sostenibilità. Pannelli solari integrati nella copertura delle pensiline, ventilazione combinata e sistemi integrati di raffreddamento e riscaldamento permettono di ridurre al minimo il fabbisogno energetico annuale.
Zaha Hadid Architects, Napoli-Afragola
Zaha Hadid Architects, Stazione Napoli-Afragola, vista del binario di arrivo, Napoli, 2017
Il secondo livello ospiterà le biglietterie e i servizi per i viaggiatori, come le sale di accoglienza delle imprese ferroviarie di trasporto che faranno servizio nella nuova stazione, mentre il terzo e quarto livello saranno dedicati ai servizi commerciali. Dal punto di vista tecnologico, lo schema del ponte permette al corpo principale dell’edificio di essere orientato secondo i migliori criteri di sostenibilità. Pannelli solari integrati nella copertura delle pensiline, ventilazione combinata e sistemi integrati di raffreddamento e riscaldamento permettono di ridurre al minimo il fabbisogno energetico annuale.
Zaha Hadid Architects, Stazione Napoli-Afragola, 2017
Zaha Hadid Architects, Stazione Napoli-Afragola, vista dal parcheggio, Napoli, 2017


Stazione di Napoli-Afragola, Napoli
Tipologia: stazione ferroviaria
Architetti: Zaha Hadid Architects
Cliente: Rete Ferroviaria Italiana
Superficie: 30.000 mq
Area totale: 19 ha
Costo: € 60M
Completamento: 2017

Ultimi articoli di Architettura

Altri articoli di Domus

Leggi tutto
China Germany India Mexico, Central America and Caribbean Sri Lanka Korea icon-camera close icon-comments icon-down-sm icon-download icon-facebook icon-heart icon-heart icon-next-sm icon-next icon-pinterest icon-play icon-plus icon-prev-sm icon-prev Search icon-twitter icon-views icon-instagram