Food and the cities

Il libro, a cura di Andrea Calori e Andrea Magarini, Food and the cities. Politiche del cibo per città sostenibili analizza le politiche messe in atto nelle città europee che ridisegnano il rapporto tra città e campagna, dove la produzione di cibo diventa “infrastruttura urbana”.  

Food and the cities
Andrea Calori e Andrea Magarini, a cura di, Food and the cities. Politiche del cibo per città sostenibili , Edizioni Ambiente , 2015

 

Un atlante sul rapporto tra cibo e città. Per collegare l’Italia alle esperienze globali in questo campo. Food and the cities. Politiche per una città sostenibile (Edizioni Ambiente) è stato pubblicato lo scorso autunno, in tempo per la chiusura di Expo 2015 e la firma del Milan Urban Food Policy Pact. A qualche mese di distanza, ora che diventa più facile, nel dibattito pubblico, scindere il tema dell’esposizione universale dalle controversie politiche particolari legate all’organizzazione e gestione dell’evento, è forse un buon momento per riscoprire questo libro.

I curatori, Andrea Calori e Andrea Magarini, soci del centro di ricerca no profit ESTà – Economia e Sostenibilità, hanno contribuito alla definizione della food policy del Comune di Milano. La loro missione è quindi spiegare cosa significhi applicare politiche alimentari, e in che modo il dibattito internazionale – o meglio, intermetropolitano – può guidare un ulteriore progresso delle scelte milanesi e italiane.
Andrea Calori e Andrea Magarini, a cura di, Food and the cities. Politiche del cibo per città sostenibili, Edizioni Ambiente, 2015
Andrea Calori e Andrea Magarini, a cura di, Food and the cities. Politiche del cibo per città sostenibili , Edizioni Ambiente, 2015

Al di là di quella statistica ormai così citata da aver perso ogni mordente – l’avvenuto sorpasso del numero degli abitanti dei nuclei urbani su quelli delle campagne – Food and the cities raccoglie cifre sorprendenti sulla rilevanza demografica e produttiva dell’agricoltura in città, che già nel 1996 l’ONU stimava responsabile del 20% della produzione di tutto il cibo mondiale. Soltanto per citare due casi: sui soli terreni di proprietà pubblica a Berlino si contano circa 80 mila giardinieri di comunità (più altri 16 mila in lista d’attesa), mentre a Vancouver il 40% della popolazione è coinvolto in modo diretto in forme di coltivazione.

Secondo i curatori, questi e molti altri fatti sarebbero la dimostrazione che quello che sta andando in scena in Occidente (questo il territorio di analisi del volume, pur nel riconoscimento del ruolo ispiratore giocato dalle capitali asiatiche) è uno stravolgimento del rapporto tra città e campagna per come lo abbiamo conosciuto negli ultimi sessanta o settant’anni. Dopo una lunga fase di “rimozione del rurale dalla cultura moderna”, tra le cui vittime si annoverano quelle fasce periurbane viste come “territori senza qualità”, decine di metropoli hanno riscoperto – o dovuto riscoprire, per far fronte a problemi sempre più pressanti – un nuovo bilanciamento tra le due dimensioni.

Andrea Calori e Andrea Magarini, a cura di, Food and the cities. Politiche del cibo per città sostenibili, Edizioni Ambiente, 2015
Andrea Calori e Andrea Magarini, a cura di, Food and the cities. Politiche del cibo per città sostenibili , Edizioni Ambiente, 2015

Parliamo di un ecosistema che, pur assumendo dimensioni e termini diversi nei vari paesi, si orienta intorno a realtà come “orti, giardini e coltivazioni comunitarie, mercati per prodotti locali, educazione alimentare di base, cucine condivise, attività di redistribuzione delle eccedenze alimentari, monete complementari a circolazione locale, e altre microeconomie che si sviluppano lungo tutte le fasi del ciclo alimentare, dalla produzione fino al riuso e al riciclo di rifiuti organici e scarti alimentari”.

Se Caroline Steel in Hungry Cities ha scritto che “le città sono quello che mangiano”, Calori e Magarini propongono una definizione del cibo come “infrastruttura urbana”. Regolare le possibilità d’azione, o supportare le azioni spontanee della popolazione, significherà allora andare a toccare “l’innovazione sociale ed economica, le politiche di welfare, il governo e […] le stesse rappresentanze democratiche”, incoraggiando, in continuità con una componente storica della cultura agricola, “il mantenimento e la riproduzione di patrimoni che non sono interamente monetizzabili”.

Andrea Calori e Andrea Magarini, a cura di, Food and the cities. Politiche del cibo per città sostenibili, Edizioni Ambiente, 2015
Andrea Calori e Andrea Magarini, a cura di, Food and the cities. Politiche del cibo per città sostenibili , Edizioni Ambiente, 2015
Certo, per quanto alcune parole d’ordine siano universali – lotta alla povertà, maggiore salute pubblica – gli obiettivi di Milano non sempre saranno gli stessi di Bristol o Cape Town, allo stesso modo in cui i “food desert” nordamericani difficilmente troveranno ampio spazio nell’agenda di Copenaghen. Al di là delle caratteristiche locali, la sfida comune a cui fa riferimento il libro – la cui seconda parte consiste in un meticoloso censimento comparato delle esperienze esistenti – sarà allora quella della “transizione dai bisogni alle politiche”: estendere esperienze necessariamente micro verso altre più strategiche e organizzate, con le quali dare vita a un sistema più armonico per la “organizzazione urbana del mondo”.
© riproduzione riservata

Altri articoli di Domus

Leggi tutto
China Germany India Mexico, Central America and Caribbean Sri Lanka Korea icon-camera close icon-comments icon-down-sm icon-download icon-facebook icon-heart icon-heart icon-next-sm icon-next icon-pinterest icon-play icon-plus icon-prev-sm icon-prev Search icon-twitter icon-views icon-instagram