Paulo Ulian, Intreccio, Antoniolupi, 2018 (prototipo sperimentale a nove moduli). Nelle memorie lapidee del lavabo convivono archetipi domestici e naturali: cesti di vimini, corolle floreali, stelle filanti che prendono forma in un soffio leggero
Antoniolupi

Intreccio di intrecci

  • Informazione pubblicitaria

Paulo Ulian disegna per Antoniolupi una forma d’arte seriale per l’arredo che intercetta e implementa la sua lunga ricerca sulla materia lapidea e la profondità di pensiero.

Se nasci a Carrara e poi, quando è tempo, frequenti l’Accademia di Belle Arti della tua città evidentemente la pietra si propone come una parte fondante del tuo destino espressivo. E la pietra è effettivamente uno degli elementi primari nella costante ricerca di Paulo Ulian (costante perché ogni suo lavoro è anche e prima di tutto ricerca). Ma ancor più che la pura pietra, nel lavoro più che trentennale del designer rimane come imprinting costante – anche in quei progetti in cui la pietra non c'entra per niente – un infinito, metaforico intreccio tra “la materia” e “il concetto”. Non tanto una facile contrapposizione tra opposti – ‘materiale’ e ‘immateriale’, ‘concreto’ e ‘astratto’, ‘natura’ e ‘artificio’,...  –, ma piuttosto un'oscillazione aritmica e sempre imprevedibile tra l'una e l'alta polarità, un alternarsi mai regolare tra la trasmissione di un'idea piccola e folgorante, da un lato, e la manipolazione virtuosa della massa e della relativa tecnica di lavorazione, dall'altro.

Il nuovo lavoro di Ulian per la storica azienda fiorentina di arredobagno Antoniolupi sintetizza quasi come un manifesto la sua duplice attitudine progettuale. Reinterpretando un tema già sperimentato con il vaso in edizione limitata Vaso-Vago (UP Group, 2008), il designer sviluppa Intreccio, un lavabo freestanding realizzato interamente in marmo di Carrara. La tecnica produttiva è la stessa del progetto precedente – il taglio a getto d’acqua – ma questa volta l'assenza di un limite alla tiratura produce una forma di “arte seriale” per l'arredo, con implicazioni concettuali molto più ramificate. Anche in questo caso l'oggetto viene ricavato da un unico blocco di pietra, prima suddiviso trasversalmente in quattro porzioni più piccole, che a loro volta vengono intagliate in una serie di otto nastri concentrici ad anello (nove nella primissima versione-prototipo), dall'andamento ondulato. Una volta estratti, come frutti della terra, gli anelli vengono sovrapposti in disposizione ruotata tra loro e quindi fissati, generando una sorta di primaria ziggurat rovesciata dall'andamento crescente verso l'alto.

Rispetto al progetto di Vaso-Vago, in Intreccio lo sviluppo delle tecnologie di lavorazione a controllo numerico ha permesso di ottenere nastri anulari molto più sottili e leggeri, che generano l'impressione alchemica di trovarsi di fronte a un altro materiale: non lapideo e dalla natura sospesa e misteriosa. La forte carica plastica che ne deriva, generata dagli elementi sfalsati e dalla variazione della luce e delle ombre sulle loro forme concavo-convesse, si intreccia dunque con l'applicazione in vasta scala dell'invenzione tecnica che permette di ridurre al massimo gli scarti di lavorazione prodotti dal processo di taglio. Quella primordiale lastra lapidea, da cui un procedimento di lavorazione tradizionale avrebbe ricavato un solo lavabo monoblocco, genera in questo caso quattro prodotti finiti, dal peso ridottissimo (solo 55 Kg) e dall'inversamente proporzionale facilità di trasporto e montaggio. Una moltiplicazione – “di materia” e “di concetto”– che non sarà “dei pani” e neanche “dei pesci”, ma che appare comunque come un vero, piccolo miracolo sostenibile. Ma soprattutto, ancora una volta, un vero, piccolo miracolo progettuale.

Azienda:
Antoniolupi
Indirizzo:
Via Mazzini 73/75, Stabbia Cerreto Guidi, Firenze
Leggi tutto
China Germany India Mexico, Central America and Caribbean Sri Lanka Korea icon-camera close icon-comments icon-down-sm icon-download icon-facebook icon-heart icon-heart icon-next-sm icon-next icon-pinterest icon-play icon-plus icon-prev-sm icon-prev Search icon-twitter icon-views icon-instagram