Luis Barragán

“Il mio impegno nel campo dell’architettura è considerato un atto sublime di immaginazione poetica: in me si premia, quindi, tutto ciò che insegue la poesia e la bellezza.” (Luis Barragán)

Luis Barragan

Nato a Guadalajara, in Messico, nel 1902, Luis Barragán si laurea in Ingegneria Civile e Architettura nel 1925. Dopo gli studi intraprende un viaggio di due anni in Europa che sugella la sua passione per i giardini e il paesaggio. Rimane impressionato, infatti, dai cortili all'italiana e dai giardini mediterranei, primo fra tutti il Generalife di Granada. 

Barragán avvia l’attività di architetto verso la fine degli anni ’20. Nel suo primo decennio professionale trascorso a Guadalajara, la sua opera resta ancorata all’universo culturale locale tapatío e al repertorio linguistico dell’architettura mediterranea.

Con il definitivo trasferimento a Città del Messico nel 1936, inizia a sperimentare modelli razionalisti di derivazione lecorbuseriana, trovando ispirazione nell’International Style.

I cardini della sua ricerca si manifestano a partire dal 1947, con la realizzazione della propria abitazione-studio e con la decisione di occuparsi prevalentemente di architettura del paesaggio, realizzando i piani di urbanizzazione per i Jardines del Pedregal di San Angel (1945), i Jardines del Bosque di Guadalajara (1955) e Los Clubes, ad Atizapán de Zaragoza (1964). Si tratta di insediamenti abitativi per i quali Luis Barragán, architetto e investitore, pianifica ville e giardini alle periferie delle città, cercando di integrare il paesaggio quale elemento compositivo, e di svilupparlo preservando l'integrità del suo ecosistema.

Per la lottizzazione di Los Clubes, insediamento residenziale in campagna con scuderie annesse, Barragán sceglie colori sgargianti, l’impiego di coperture piane e l’inserto di spazi recintati. L'intervento più caratteristico è la Fuente de Los Amantes, riconoscibile per la stereometrica cascata sullo specchio d’acqua, con richiami all'infanzia e alla cultura popolare messicana.

Stilemi linguistici che attingono dall’architettura tradizionale messicana appaiono anche in piccole costruzioni civili come l'iconica Casa Gilardi (1980) a Città del Messico (1976-77). L’abitazione si organizza intorno a un patio dominato da un grande albero di jacaranda ed è attraversata da un corridoio che distribuisce gli ambienti domestici, aprendosi verso la piscina annessa alla zona pranzo. Qui i piani di luce, i colori puri nei toni del rosa, blu e rosso e l’acqua dilatano lo spazio per ricomporsi in una sequenza di frammenti neoplastici e spunti mistici dalla forte carica emotiva.

Lo studio di Barragán per i volumi verticali culmina nel Faro del Commercio a Monterrey (1977), progetto in cui due sottili lamine di cemento formano una stele slanciata sul paesaggio urbano fungendo da centro per la Macroplaza della città di Monterrey e da landmark nell’ambiente montano.

Nelle Torri del Satellite, realizzate in collaborazione con l’artista Mathias Goeritz a Città del Messico nel 1957, cinque torri monolitiche, tutte di colori diversi, recuperano la semplicità volumetrica e cromatica dei pionieri dell’architettura moderna. Un monumento a scala urbana, capace di segnalare a distanza il nuovo quartiere della città in chiave metafisica.

Luis Barragán riceverà il premio Pritzker nel 1980 per aver saputo trarre ispirazione dall’architettura popolare caratterizzata da pareti imbiancate a calce, da cortili dai colori intensi e da elementi compositivi rurali come abbeveratoi, granai e corti di campagna. Proprio dalla tradizione contadina egli ha voluto restituire, rinnovandolo, un approccio semplice alla vita, con una dose di raccoglimento e nostalgia.

Malato di Parkinson da svariati anni, Barragán muore il 22 novembre 1988 nella sua casa a Tacubaya, Città del Messico.

Attraverso i suoi progetti di case, cappelle, piani di urbanizzazione ed edifici urbani, Barragán esplora le infinite risorse progettuali e cromatiche dello spazio, inseguendo la poetica delle emozioni

Attraverso le parole di Louis Kahn:

In Messico ho conosciuto un architetto, uomo considerevole. I suoi giardini provvisti di una piccola fonte di acqua sono così immensi che tutte le composizioni paesaggistiche del mondo non potranno mai rivaleggiare
Leggi tutto
China Germany India Mexico, Central America and Caribbean Sri Lanka Korea icon-camera close icon-comments icon-down-sm icon-download icon-facebook icon-heart icon-heart icon-next-sm icon-next icon-pinterest icon-play icon-plus icon-prev-sm icon-prev Search icon-twitter icon-views icon-instagram