Monaco. La mobilità africana vista da una prospettiva positiva

L’Architekturmuseum di Monaco mette in luce l’impatto dell’im/migrazione sui paesaggi e le architetture urbane africane.

Shanty Megastructure, © Olalekan Jeyifous

In programma presso l’Architekturmuseum di Monaco di Baviera fino al 19 agosto 2018, la mostra “African Mobilities” curata da Mpho Matsipa analizza il rapporto tra architettura e migrazioni in Africa. Con il sottotitolo provocatorio “questa non è una mostra di campi profughi”, il progetto vuole andare oltre l’idea semplicistica della mobilità africana intesa solamente come gruppi di profughi che fuggono dal continente.

Dall’architettura utopica alle questioni urbanistiche, l’esposizione non guarda quindi solo alle migrazioni umane, ma anche a quelle delle idee, delle storie, dei linguaggi estetici e delle risorse. Così da mappare la maniera in cui “gli africani provenienti da diverse località si immaginano e contrattano spazi di possibilità”, sottolinea Matsipa.

Ambientate nell’allestimento giocoso, fatto di colori e forme geometriche, pensato da Wolff Architects, le opere esposte spaziano dall’indagine fotografica dell’artista congolese di base a Bruxelles Sammy Baloji, al progetto urbanistico Beyond Entropy Angola di Paula Nascimento e Stefano Rabolli Pansera. Quest’ultimo – presentato per la prima volta alla 13ª Biennale di Architettura di Venezia nel 2012 – esplora il tessuto urbano di Luanda in Angola, proponendo la creazione di un giardino funzionale – anche definito “terreno energetico comune” – da mettere a disposizione della popolazione per la produzione di cibo e biomassa, ma utile anche come filtro naturale per le acque reflue.

Più che una semplice mostra di architettura, “African Mobilities” è un laboratorio che ha per obiettivo la “generazione di conoscenze e riflessioni inedite e alternative”, spiega Matsipa. Pensato come una vera e propria piattaforma pedagogica mobile, il progetto va perciò oltre i confini del museo e propone workshop con creativi di orizzonti e provenienze geografiche diversi – come lo scrittore nigeriano Wale Lawal, l’artista newyorkese Olalekan Jeyifous e l’architetto ugandese Doreen Adengo.

Titolo:
African Mobilities
Curatore:
Mpho Matsipa
Museo:
Architekturmuseum der Technischen Universität München
Date di apertura:
fino al 19 agosto 2018
Indirizzo:
Barer Str. 40, Monaco di Baviera

Ultime News

Altri articoli di Domus

Leggi tutto
China Germany India Mexico, Central America and Caribbean Sri Lanka icon-camera close icon-comments icon-down-sm icon-download icon-facebook icon-heart icon-heart icon-next-sm icon-next icon-pinterest icon-play icon-plus icon-prev-sm icon-prev Search icon-twitter icon-views icon-instagram