L’image volée

La mostra collettiva curata da Thomas Demand alla Fondazione Prada indaga come gli artisti hanno sempre fatto riferimento a un’iconografia precedente per realizzare le proprie opere.

“L’image volée”, curata da Thomas Demand alla Fondazione Prada di Milano, è una mostra collettiva ospitata in un ambiente allestitivo progettato dallo scultore Manfred Pernice. La mostra occupa i due livelli della galleria Nord della sede di Milano.
L’image volée
In apertura : Sara Cwynar, 72 pictures of Modern Paintings , 2016. Carta da parati. Courtesy l’artista e Foxy Production, New York. Qui sopra : Adolph von Menzel, Friedrich der Große auf Reisen. Fragment , 1853/1854. Olio su tela. 152 x 222 cm. © Staatliche Museen zu Berlin, Nationalgalerie / Leihgabe der Bundesrepublik Deutschland. Photo Andres Kilger
“L’image volée” include più di 90 lavori realizzati da oltre 60 artisti dal 1820 a oggi. L’intento di Thomas Demand è di indagare attraverso la mostra le modalità con cui tutti noi ci richiamiamo a modelli preesistenti e come gli artisti hanno sempre fatto riferimento a un’iconografia precedente per realizzare le proprie opere. Esplorando i limiti tra originalità, invenzioni concettuali e diffusione di copie, “L’image volée” si concentra sul furto, la nozione di autore, l’appropriazione e il potenziale creativo di queste ricerche.
L’image volée
Asger Jorn, Brotherhood above all / Fraternité avant tout , 1962. Olio su tela. 103,5 x 72,5 cm. © Donation Jorn, Silkeborg. Photo Lars Bay
Il percorso espositivo presenta tre possibili direzioni d’indagine: l’appropriazione fisica dell’oggetto o la sua assenza, la sottrazione relativa all’immagine piuttosto che all’oggetto concreto e, infine, l’atto del furto attraverso l’immagine stessa. La mostra è stata concepita come un’esplorazione anticonvenzionale di questi temi, affrontati seguendo un approccio empirico. Piuttosto che una ricognizione enciclopedica offre una prospettiva inaspettata all’interno di un viaggio di scoperta e ricerca artistica.
Nella prima sezione sono raccolte fotografie, dipinti e film in cui l’oggetto rubato o mancante diventa un corpo del reato o la scena del crimine. Ci sono opere che richiamano più direttamente l’immaginario criminale, come la denuncia incorniciata da Maurizio CattelanSenza titolo (1991) – a seguito di un furto di un’opera immateriale, o Stolen Rug (1969), un tappeto persiano rubato su richiesta di Richard Artschwager per la mostra “Art by Telephone” a Chicago. Inoltre sono presentati lavori che evocano l’assenza, risultato di un furto, come la tela di Adolph von Menzel Friedrich der Grosse auf Reisen (1854), mutilata per ricavarne ritratti di minori dimensioni. Altri lavori, invece, si basano su un processo di alterazione di opere d’arte preesistenti, come Richter-Modell (interconti) (1987), un quadro di Gerhard Richter trasformato in un tavolino da Martin Kippenberger e Unfolded Origami (2016) di Pierre Bismuth che realizza una nuova opera a partire da poster originali di Daniel Buren. Questi lavori approfondiscono la nozione del controllo dell’autore sulla propria opera.
L’image volée
Sara Cwynar, 72 pictures of Modern Paintings , 2016. Carta da parati. Courtesy of l’artista e Foxy Production, New York
Nella seconda parte del percorso espositivo si analizzano le logiche dell’appropriazione all’interno del processo creativo. Si parte dall’idea di contraffazione e falsificazione, esemplificata dalle banconote riprodotte a mano dal falsario Guenter Hopfinger, per poi approfondire le pratiche vicine alla cosiddetta Appropriation Art . In Duchamp Man Ray Portrait (1966) Sturtevant, ad esempio, rimette in scena il ritratto fotografico di Marcel Duchamp realizzato da Man Ray, sostituendosi sia all’autore sia al soggetto della fotografia.
La terza parte della mostra è ospitata al livello interrato della galleria Nord, utilizzato per la prima volta come spazio espositivo. Quest’ultima sezione sovversiva di “L’image volée” affronta la questione della produzione di immagini che, per loro stessa natura, rivelano aspetti nascosti sul piano privato o pubblico.

18 marzo – 28 agosto 2016
L’image volée
Curatore
: Thomas Demand
Fondazione Prada
Largo Isarco 2, Milano

Ultime News

Altri articoli di Domus

Leggi tutto
China Germany India Mexico, Central America and Caribbean Sri Lanka Korea icon-camera close icon-comments icon-down-sm icon-download icon-facebook icon-heart icon-heart icon-next-sm icon-next icon-pinterest icon-play icon-plus icon-prev-sm icon-prev Search icon-twitter icon-views icon-instagram