L’Orfeo esordisce a teatro con “Ego”, l’installazione dinamica di Studio Drift

Un artista, un regista e un coreografo lavorano insieme per portare in scena un mito greco profondamente rivisitato. Attraverso una struttura in movimento che incarna tutti i sentimenti dell'animo umano.

Portare la pluralità di linguaggi a teatro: l’artista Lonneke Gordijn di Studio Drift, la regista Monique Wagemakers e la coreografa Nanine Linning hanno lavorato assieme per trasformare L’Orfeo seicentesco di Claudio Monteverdi in una “Gesamtkunstwerk”, opera d’arte totale.

La novità più rilevante è Ego, un blocco di oltre 16 km di filo di nylon, sottile come un capello, che viene mosso da otto tiranti collegati al suo perimetro. Rigidità, fluidità, armonia, inquietudine: grazie alle molteplici forme che è in grado di assumere, la scultura posta al centro della scena rispecchia un ampio spettro di emozioni dell’animo umano, accompagnando per intero l’interpretazione dell’opera.

Lo spettacolo debutta il 25 gennaio 2020 a Enschede, in Olanda, prima tappa di un tour nazionale che includerà anche il prestigioso Koninklijk Theater Carré di Amsterdam il 9 e 11 febbraio 2020.

Spettacolo:
L’Orfeo di Monteverdi
Scenografia:
Ego di Lonneke Gordijn (Studio Drift)
Concept:
Monique Wagemakers, Lonneke Gordijn, Nanine Linning
Teatro:
Wilminktheater
Date:
25 gennaio 2020 (anteprima)
Indirizzo:
Wenninkgaarde 40-42, Enschede, Paesi Bassi

Ultimi articoli di Design

Altri articoli di Domus

Leggi tutto
China Germany India Mexico, Central America and Caribbean Sri Lanka Korea icon-camera close icon-comments icon-down-sm icon-download icon-facebook icon-heart icon-heart icon-next-sm icon-next icon-pinterest icon-play icon-plus icon-prev-sm icon-prev Search icon-twitter icon-views icon-instagram