Un paesaggio in evoluzione

L’architetto inglese spiega cosa l'ha spinto a pubblicare un libro del tutto anticonvenzionale per raccontare il suo ultimo progetto: il recupero di una storica proprietà in Spagna trasfomata in albergo del ‘fare’ per il gruppo Rough Luxe.

Will Alsop, Las Heras. An Imagined future. Stories of an emerging world , Rough Luxe, 2014.

 

La proprietà si trova in Spagna, presso Girona, in Catalogna. La prima volta mi ci portò il committente, in una specie di viaggio a sorpresa. Aveva preparato uno splendido pic-nic e, dopo una breve colazione a casa sua, sulla costa, partimmo. Dopo circa un’ora d’auto, arrivammo sul posto e iniziammo a salire. Infine, arrivammo a una grande casa al centro di un terreno di 350 ettari. Fu un momento di reverente stupore. Sentii subito un’affinità con questo luogo, ancor prima di scendere dalla macchina.

Las Heras: il palazzo
Las Heras: il palazzo

“Perché l’hai acquistata?”, chiesi al committente.  Rispose: “Will, il progetto è affar tuo; dimmelo tu!” Che fare?

Il luogo e il territorio mi interessavano per molti aspetti, ma più che altro ero affascinato della mia stessa reazione al luogo. Mi ci sentii subito a mio agio. Il territorio spirava un senso del luogo che appariva irrazionale. Era questione di forma, di collocazione, di storia (una parte della casa aveva mille anni), di vegetazione e cose così?

Las Heras: vista sulla proprietà
Las Heras: vista sulla proprietà
Sospetto fosse una combinazione di tutti questi fattori, ma c’era qualcosa di più! In seguito l’ho sperimentato su altre persone che avevo notato provare la stessa sensazione. Era un posto speciale e perciò il gesto di trasformare questa proprietà era un esercizio delicatissimo che richiedeva molta attenzione.
Il racconto scritto da Will Alsop
Il racconto scritto da Will Alsop
La proprietà si era sviluppata nell’arco di un lungo periodo di tempo e conclusi che il progetto doveva essere evolutivo. A quali funzioni doveva rispondere? Come potevo progettare qualcosa che non si poteva disegnare né progettare, prospettive antitetiche all’evoluzione? Più invecchio, più cresce il mio interesse per gli edifici esistenti. Si potrebbe magari dire che dipenda dalla naturale tendenza al conservatorismo che si sviluppa con l’età. Io credo che questo interesse sia alla base del radicalismo. Mi verrebbe da dire che c’è troppa architettura (o troppa edilizia)!
Il giardino delle ombre
Il giardino delle ombre
Il tempo e l’incuria hanno lasciato il segno sull’abitazione principale e senza esitazioni il lavoro è iniziato dal restauro dell’edificio, portando fuori i detriti e rimediando all’incuria. Questo lavoro è sostanzialmente compiuto, ma manca la seconda fase.
Il restauro pone molti dubbi sulla funzione. Attualmente la casa è ridotta alla forma originaria di spazi in collegamento. (C’erano 73 locali, ora ce ne sono meno, dopo aver eliminato delle partizioni incongrue che erano proliferate come tumori.) Ora è un edificio senza funzione, pieno di opportunità!
L'antica cucina all'interno di Las Heras
L'antica cucina all'interno di Las Heras
Anche il territorio sta attraversando un processo analogo. L’incuria richiedeva l’aerazione di certe zone troppo coperte di vegetazione. Gli ulivi richiedevano attenzioni per poter dare frutti. Il “Giardino 365” (così battezzato perché ci si poteva pranzare ogni giorno dell’anno) è in corso di restauro. È diventato evidente che la casa (ora non più usata come abitazione) e il paesaggio dovevano acquisire una destinazione coerente con le loro potenzialità. Si è precisata un’idea, di per sé suscettibile di evoluzione, che delinea un futuro per questo suggestivo frammento di geografia.
Las Heras: in appendice sono riportate alcune ricette di cucina
Las Heras: in appendice sono riportate alcune ricette di cucina
Era chiaro che un piano regolatore, come per altro qualunque dichiarazione d’intenti, sarebbero stati inadeguati. La stessa parola piano esprime determinazione, che in questo caso è da evitare. Quel che contava era trovare un modo di delineare il futuro senza darne una definizione.

Allora: un libro di racconti e di fatti? Un documento destinato a informare quanto a stimolare, che deve essere anche godibile. La proprietà aveva una storia lunga e tumultuosa, che è diventata parte del libro. Il passato dà forma al presente e crea il contesto dell’esperienza del luogo. Il futuro richiedeva una descrizione probabile.

Un romanzo è una concessione piacevole, e quindi molto godibile, che permette di ipotizzare quel che può accadere nel prossimo futuro del luogo. Comprende “schizzi stimolanti” per chi visita il sito.

Il libro fa le veci di un piano regolatore, di un atlante e di un libro di cucina. Le ricette che contiene sono piatti da realizzare con ingredienti reperibili sul territorio. Ha intenti di stimolo e di incoraggiamento.

Kurt Engelhorn dello studio di Alsop aLL
Kurt Engelhorn dello studio di Alsop aLL Design
Il progetto che si sta delineando sceglie come punto di partenza quello di essere una risorsa formativa per tutti ma in particolare per le istituzioni dell’architettura e dell’arte. Il luogo è aperto alla visita di gruppi fino a 15 persone, che esplorano e scoprono luoghi del paesaggio in cui si può costruire qualcosa per dormire o riposare. I visitatori tornano a casa a preparare immagini e a pianificare qualche elemento di quel che sarà realizzato. Possono usare materiali ‘trovati’ sul sito, ma non in via esclusiva. Con degli studenti della Technische Universität di Vienna è stato condotto un progetto pilota che ha prodotto buoni risultati. Nel corso del tempo il luogo può evolversi comprendendo ceramica, gastronomia, carpenteria, strutture metalliche e così via.
Will Alsop. Photo Malcolm Crowther
Will Alsop. Photo Malcolm Crowther
Il luogo nel complesso diventa un albergo del ‘fare’. Può ospitare anche manifestazioni da discoteca, installazioni. Non ci sarà riposo nell’edificio principale, che si sta sviluppando come nucleo centrale per i visitatori. Il luogo è suggestivo e perciò potrebbe anche essere un luogo delizioso per non far nulla!
© riproduzione riservata

Altri articoli di Domus

Leggi tutto
China Germany India Mexico, Central America and Caribbean Sri Lanka icon-camera close icon-comments icon-down-sm icon-download icon-facebook icon-heart icon-heart icon-next-sm icon-next icon-pinterest icon-play icon-plus icon-prev-sm icon-prev Search icon-twitter icon-views