The Italian Stone Theatre - Pubbliredazionale - Domus
Alveo, di Raffaello Galiotto con Industrie Montanari/DDX/ADI tools
 

The Italian Stone Theatre

Più di un padiglione, The Italian Stone Theatre è un progetto di ricerca in grado di coinvolgere le punte della progettazione e della produzione in pietra, un appuntamento centrale a Marmomac 2017.

 

Pubbliredazionale

Sempre più spesso negli ultimi anni la più pura ricerca progettuale è passata attraverso la sperimentazione sui materiali, oltre che sui colori e le finiture: un lavoro di indagine che ha in molti casi sopravanzato quello tradizionale che poneva al centro le sole forme.

Ultimo intrigante capitolo in questa direzione di approfondimento concettuale e produttivo è costituito da “The Italian Stone Theatre”, l’innovativo padiglione presentato da Marmomac: appuntamento di riferimento per la ricerca e la produzione nel settore della lavorazione delle pietre per l’architettura e il design che si terrà a Veronafiere dal 27 al 30 settembre 2017. Il padiglione si propone così come uno spazio sperimentale dedicato all’innovazione, alla cultura e alla formazione con la pietra e le tecnologie a essa dedicate.

Genesi, Raffaello Galiotto con Mondo Marmo design/Prussiani Engineering

In apertura: una anticipazione della mostra “Macchine Virtuose” dell'edizione 2017: Alveo, di Raffaello Galiotto con Industrie Montanari/DDX/ADI tools, Qui sopra: Genesi, Raffaello Galiotto con Mondo Marmo design/Prussiani Engineering


Curato dall’architetto Vincenzo Pavan e dal designer Raffaello Galiotto, “The Italian Stone Theatre” è realizzato anche grazie al Piano di promozione straordinaria del Made in Italy, in collaborazione con il Ministero dello Sviluppo Economico, ICE-Italian Trade Agency e Confindustria Marmomacchine. Il progetto espositivo nasce con l’intento di dare vita a un luogo dedicato alla ricerca più avanzata in cui le aziende italiane di materiali, tecnologie e macchinari possano dialogare con numerosi architetti e designer di fama mondiale e mostrare i risultati di questa sinergia a una platea internazionale di visitatori, che si preannuncia anche quest’anno molto numerosa: lo scorso anno i numeri sono stati impressionanti, ben 67mila presenze da oltre 145 diverse nazioni.

Marmomac, Hall 1, “The Italian Stone Theatre” 2016. Fotografia Luca Morandini

Una vista dell'interno della Hall 1, con l'allestimento realizzato per l'edizione 2016 di “The Italian Stone Theatre”. Fotografia Luca Morandini


Tre le mostre in programma nell’ambito di “The Italian Stone Theatre”. “Territorio&Design” approfondisce le tematiche legate al progetto di design litico, evidenziando le peculiarità dei materiali dei diversi territori e bacini produttivi della penisola, valorizzandone i contenuti tecnici della tradizione e il patrimonio culturale. “Macchine Virtuose” si rivolge alle aziende del settore alle quali viene proposta la realizzazione di un prodotto capace di mettere in risalto le potenzialità della lavorazione con finalità produttive e commerciali, coinvolgendo anche aziende di design e arredo. “Soul of City”, curato dallo storico e critico di architettura Luca Molinari, è un progetto di ricerca sull’utilizzo della pietra, ispirato al tema del Congresso UIA 2017, che si terrà a settembre a Seoul. La mostra coinvolgerà noti studi di architettura provenienti da vari paesi, che lavoreranno con aziende italiane di riferimento del settore, dando vita a opere in grado di esaltare l’uso della pietra e rappresentando al contempo un paesaggio ricco di architetture dalla forte componente di ricerca.

Allestimento di “The Italian Stone Theatre”, edizione 2016. Fotografia Luca Morandini

Allestimento di “The Italian Stone Theatre”, edizione 2016. Fotografia Luca Morandini


Le tre diverse mostre in cartellone verranno affiancate da una Forum Area, che ospiterà convegni, lectio magistralis e workshop attraverso in un fitto programma di incontri, finalizzati anche all’acquisizione di crediti formativi dei professionisti. L’edizione 2017 di “The Italian Stone Theatre” ospiterà anche diversi spazi di socializzazione e accoglienza: come il Wine Bar, luogo di incontro e di relax, e il Ristorante d’Autore, uno spazio dedicato al cibo italiano, interpretato da quattro chef stellati in una cornice scenografica ispirata alla pietra naturale, realizzata a cura di ADI Delegazione Veneto – Trentino Alto Adige.



27–30 settembre 2017
MARMOMAC
Veronafiere S.p.A.
viale del Lavoro, 8 Verona