Il Giardino Promesso

Nel Parco di Forte Marghera verrà inaugurata un’installazione sonoro-botanica ispirata al XXXIII capitolo dei Promessi Sposi, in cui viene descritto un giardino abbandonato.

Matteo Efrem Rossi
            Eventi-Arte-Venezia presenta al pubblico Il Giardino Promesso - Appunti per una botanica manzoniana , un’installazione botanica di Claudio Rocchetti realizzata nel cuore del parco di Forte Marghera. A partire da venerdì 3 maggio 2013 il Giardino ospiterà un ciclo di performance sonore che dureranno per tutto il mese di maggio 2013.

Un’installazione botanica che prende forma dalla lettura e dallo studio del XXXIII capitolo del romanzo I Promessi Sposi, nel quale l’autore descrive con dovizia di particolari un giardino abbandonato elencando ogni pianta ospitata al suo interno. Il fascino suscitato delle pagine del Manzoni di fronte allo spettacolo dell’abbandono, quasi anticipa quell'idea di “giardino senza giardiniere” che avrà una importanza centrale nel concetto di “Terzo paesaggio”, sviluppato da Gilles Clément nella seconda metà del novecento.

Il Giardino Promesso
In apertura e sopra: Eventi-Arte-Venezia, Il Giardino Promesso - Appunti per una botanica manzoniana , Venezia, 2013

Questa suggestione ha colpito Claudio Rocchetti , la cui ricerca è da tempo incentrata sul rapporto tra abbandono e memoria. In seguito ad una visita a Forte Marghera , l’artista ha individuato un’area specifica in cui dar luogo a questa fascinazione: il Giardino Promesso è un’installazione botanica realizzata con tutte e 20 le piante citate nella descrizione del giardino di Manzoni, una scultura-ambiente in continuo mutamento, situata in un prato del parco di Forte Marghera, tra un albero ormai caduto e un terrapieno difensivo.

Nel Giardino Promesso varie piante da frutto e altre erbe sono lasciate libere di crescere e svilupparsi: un giardino lasciato a se stesso, alla spontanea vitalità vegetale, un luogo dove le specie solitamente eliminate prosperano e si moltiplica la varietà e diversità, anche con semi portati dagli uccelli o dal vento che producono piante a sorpresa incredibili.

Eventi-Arte-Venezia, Il Giardino Promesso - Appunti per una botanica manzoniana , Venezia, 2013

Il Giardino Promesso
accoglierà un ciclo di performance sonore di musicisti italiani ed europei, programmate per tutto il mese di maggio 2013. Questi appuntamenti dedicati al suono hanno lo scopo di mettere in relazione la ricerca musicale contemporanea a un particolare paesaggio e a due temi: l’abbandono e la memoria. Claudio Rocchetti descrive la musica come “un sistema di addii”, in cui ad ogni nota che muore ne succede da un’altra, che ne mantiene vivo il ricordo. All’interno di questa fisica del suono emerge il rapporto con la vita vegetale perché, come il seme scompare con la crescita della pianta, così il frutto succede al fiore, mantenendone il ricordo e la possibilità di riproduzione.

Eventi-Arte-Venezia, Il Giardino Promesso - Appunti per una botanica manzoniana , Venezia, 2013

Il progetto è pensato come un processo che segue il tempo naturale dello sviluppo delle piante: dal testo di Manzoni, infatti, i botanici che hanno collaborano per il progetto hanno dedotto che il periodo a cui corrisponderebbe la descrizione è l'autunno (probabilmente ottobre), in cui tutte le specie vegetali sono fiorite e cresciute fino a corrispondere a quell'idea di "abbandono" che è il soggetto dell'intera operazione.

Eventi-Arte-Venezia, Il Giardino Promesso - Appunti per una botanica manzoniana , Venezia, 2013

Ultime News

Altri articoli di Domus

Leggi tutto
China Germany India Mexico, Central America and Caribbean Sri Lanka Korea icon-camera close icon-comments icon-down-sm icon-download icon-facebook icon-heart icon-heart icon-next-sm icon-next icon-pinterest icon-play icon-plus icon-prev-sm icon-prev Search icon-twitter icon-views icon-instagram