Tadao Ando

Architetto, guest editor di Domus nel 2021

 

Nato nel 1941 a Osaka, Giappone, è autodidatta in architettura. Ha fondato la Tadao Ando Architect & Associates nel 1969. Nel 2021 è stato guest editor di Domus.
Tra le sue opere principali, Row House a Sumiyoshi (Osaka, 1976), Church of the Light (Osaka, 1989), Awaji Yumebutai (Hyogo, 1999), Pulitzer Foundation for the Arts (St. Louis, 2001), Modern Art Museum of Fort Worth (Fort Worth, 2002), Chichu Art Museum (Naoshima, 2004), Punta della Dogana (Venezia, 2009), e Shanghai Poly Grand Theater (Shanghai, 2014).
Ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti, tra cui: premio dell’Istituto di architettura del Giappone per il design (1979) per la Row House; Art Academy Prize (1993), Pritzker Architecture Prize (1995), Medaglia d’oro dell’American Institute of Architects (2002) e dell’Union Internationale des Architectes (2005), Ordine della Cultura giapponese (2010), Commandeur de l’ordre des Arts et des Lettres (2013) e Grande Ufficiale dell’Ordine della Stella d’Italia (2015).
Ha tenuto mostre personali al Museum of Modern Art di New York nel 1991e al Centre Pompidou di Parigi nel1993. Ha insegnato a Yale, Columbia, Harvard e all’Università di Tokyo della quale è oggi professore emerito.

China Germany India Mexico, Central America and Caribbean Sri Lanka Korea icon-camera close icon-comments icon-down-sm icon-download icon-facebook icon-heart icon-heart icon-next-sm icon-next icon-pinterest icon-play icon-plus icon-prev-sm icon-prev Search icon-twitter icon-views icon-instagram