Lessons of a City - Notizie - Domus
Antonio Ottomanelli, Amman, 2015-16. Courtesy Planar Gallery, Bari
 

Lessons of a City

Una mostra alla Planar Gallery di Bari racconta la città di Amman e le sue trasformazioni in relazione alle vicende geopolitiche che hanno interessato i paesi arabi.

 

Notizie

Planar Gallery a Bari ospita la mostra “Lessons of a City”, che attraverso una raccolta ragionata di reperti e documenti racconta la città di Amman e le sue trasformazioni in relazione alle vicende geopolitiche che hanno interessato i paesi arabi. “Lessons of a City” nasce da un progetto di ricerca intitolato Frozen Imaginaries che ha coinvolto architetti, fotografi e studenti nella mappatura e narrazione dell’evolversi del masterplan di Amman in relazione alla recente storia e geopolitica del Mashriq.

 

La ricerca è un’indagine sugli effetti dell’UAE Real Estate market crash sulle regioni arabe; il lavoro si è evoluto e completato con un’analisi del mercato immobiliare e della rendita fondiaria in relazione al fenomeno di immigrazione e ad altri fenomeni sociali nella regione – la Giordania – a più alto indice di immigrazione di tutto il Mashreq arabo (la regione a est dell’Egitto che comprende Libano, Palestina, Giordania, Siria, Iraq). Lo studio comprende un’attenta analisi storica, e prende in considerazione tutti i piani regolatori redatti fin dall’epoca del colonialismo inglese.

Antonio Ottomanelli, Amman, 2015-16. Courtesy Planar Gallery, Bari

Antonio Ottomanelli, Amman, 2015-16. Courtesy Planar Gallery, Bari

Attraverso un programma di workshop internazionali – realizzati allo Studio-X di Amman della Columbia University GSAPP – studenti, ricercatori e artisti hanno lavorato sull’analisi di varie tipologie sociali e abitative di Amman, con particolare attenzione alle forme e alle pratiche di spazio pubblico.

Antonio Ottomanelli, Amman, 2015-16. Courtesy Planar Gallery, Bari

Antonio Ottomanelli, Amman, 2015-16, dettaglio. Courtesy Planar Gallery, Bari



24 febbraio – 31 maggio 2017
Lessons of a City
a cura di Antonio Ottomanelli e Jawad Dukhgan
Planar Gallery
corso Sonnino 119a, Bari