Capanna del ramen - Notizie - Domus
Robot 3 Studio, Metal hut, Changping District, Beijing 2016
 

Capanna del ramen

Partendo dal presupposto che occupare è un’istinto umano primario, Robot 3 Studio si ispira ai cunicoli spazio-temporali per rianimare luoghi degradati di Pechino.

 

Notizie

Robot 3 Studio ha progettato un piccolo ristorante di metallo a Pechino di soli 52 metri quadrati, esclusa la cucina. Il negozio di ramen originale è poi diventato anche un BBQ bar, caratterizzato da uno spazio stretto dal budget limitatissimo, situato in un quartiere degradato.

 

Ogni tangenziale di Pechino suddivide metaforicamente la città in classi sociali. Le pareti invisibili del potere e del benessere la segmentano in tanti territori prestabiliti, molti dei quali sono assolutamente inaccessibili ai più. Ogni territorio ha una struttura gerarchica stabile e codici complessi. Con il Lucky Bar, un ristorantino di ramen, i progettisti hanno cercato di superare gli ostacoli e di decifrare questo codice.

Robot 3 Studio, Lucky Bar, distretto di Changping, Pechino 2016

Robot 3 Studio, Lucky Bar, distretto di Changping, Pechino 2016


 

Situata al ‘margine’ di Pechino, la piccola capanna di metallo assomiglia a un tunnel, o warmhole come nella teoria del cunicolo spazio-temporale di Einstein, successivamente perfezionato da Nathan Rosen: il wormhole è un tunnel spaziale multidimensionale che collega due luoghi lontani. Gli interni sono realizzati con materiali a basso costo come lamiera di ferro zincato, tende in PVC e vernice. Le sedute basse sono informali e rilassanti, pensate per favorire l’intimità tra i commensali, che dispongono di un punto di osservazione privilegiato su quella parte della città tipicamente trascurata. 


Lucky Bar – Metal hut, distretto di Changping, Pechino, Cina
Tipologia: ristorante
Design: Robot 3 Studio
Team di progetto: Pan Fei, Wang Zhi
Area: 76 mq
Impresa: Beijing Jingchuanjiamei Decoration Co. Ltd
Completamento: 2016