Manhattan Skatepark

HAO vince il concorso per la sistemazione del Coleman Oval Skate Park di Manhattan organizzato da Architecture for Humanity e Nike nell'ambito della campagna Gamechangers

 

Notizie

HAO / Holm Architecture Office ha vinto il concorso per la sistemazione del Coleman Oval Skate Park di Manhattan arrivando primo tra i nove studi di New York invitati a partecipare al bando. Sponsorizzata da Architecture for Humanity e Nike, la campagna Gamechangers ha lo scopo di incoraggiare le comunità a investire su programmi sportivi per i giovani in grado di stimolare uno sviluppo sociale ed economico. Il progetto è stato inoltre sviluppato nell'ambito del programma Adopt-a-Park del New York City Parks & Recreation Department.

Il Coleman Oval Skate Park, situato in parte sotto il Manhattan Bridge, nella zona del Lower East Side, è da tempo diventato uno degli skate park più trafficati di New York.

Manca tuttavia di un disegno complessivo ed è nella condizione di essere un mero amalgama di funzioni che si trovavano ad condividere il medesimo lotto, prive di un'organizzazione spaziale capace di valorizzarne le relazioni interne e col vicinato, con un sistema di circolazione confuso, accessi dall'esterno poco identificabili e una miriade di cancelli e reti che rendono difficile la percezione dello spazio tanto dall'esterno quanto dall'interno.

Assonometria dello skate park

Per risolvere questa frammentazione HAO propone una riorganizzazione dei percorsi che, a partire da tre punti di accesso chiaramente identificabili, riconnetta gli elementi principali del parco, il campo da baseball, lo skate park e l'area dedicata ai cani. I nuovi percorsi vanno a costruire quella lo studio definisce The Urban Gallery, un nuovo elemento che, oltre a riunificare le funzioni, contiene una serie di aree dedicate ad attività pensate per essere diretta espressione delle diversità e dei caratteri sociali e demografici del quartiere.

Una vista del Coleman Oval Skate Park, i piloni del Manhattan Bridge

Il Coleman Oval Skate Park diventa così uno spazio capace di accogliere una miriade di pratiche durante tutto il corso dell'anno, di carattere ricreativo, educativo e sociale, ponendosi come punto di riferimento per tutte le comunità della zona, in un mix di diversità.

"Enfatizzando e sottolineando le diversità locali, il Coleman Oval Park ha le potenzialità di diventare parco cittadino unico nel suo genere semplicemente aprendo al potenziale della densa area urbana nel quale è situato: il segreto sta nella mescolanza" dice Jens Holm, fondatore di HAO.

Lo schema dei percorsi, la Urban Gallery

L'elemento più importante del ridisegno del parco è, oltre alla Urban Gallery, sicuramente il grande pipe costruito al di sotto del Manhattan Bridge utilizzando proprio le arcate che sorreggono il ponte, questo il primo tassello del progetto, che verrà realizzato entro la metà del 2012, in un processo di costruzione per parti, che lo studio definisce di plug&play, che vedrà le attività del parco continuare senza soluzione di continuità anche durante l'avanzamento dei lavori garantendo sempre l'accesso e la fruibilità dell'area.

La pianta del Coleman Oval Skate Park

Possibili usi del pipe

Calendario delle attività possibili