Atelier Biagetti No Sex - Salone 2016 - Domus
Atelier Biagetti No Sex
 

Atelier Biagetti No Sex

Con una collezione di oggetti unici prodotti a mano in latex e pelle, Alberto Biagetti e Laura Baldassari proseguono la ricerca iniziata lo scorso anno con “Body Building”. #MDW2016

 

Salone 2016

Quest’anno Alberto Biagetti e Laura Baldassari fanno un’ulteriore passo avanti e proseguono il loro lavoro verso quella che si può definire una ricerca nell’immaginario contemporaneo. Il progetto “Body Building” dello scorso anno può essere considerato il primo capitolo della saga, ora “No Sex” è da considerarsi il secondo.

Atelier Biagetti No Sex

Atelier Biagetti: No Sex. Photo Delfino Sisto Legnani, Marco Cappelletti. Courtesy of Atelier Biagetti

Il duo creativo, coppia anche nella vita, affronta un tema complesso che sfiora il corpo per approfondire relazioni che riguardano la mente, i desideri e le ossessioni; un dialogo complesso dove una buona dose d’ironia ci porta verso uno scenario inedito costruito attentamente attraverso oggetti disegnati e pensati per essere dei veri e propri protagonisti di una storia. I due designer agiscono come registi di questo racconto anche se il linguaggio usato non è quello cinematografico bensì quello del design: Biagetti e Baldassari sono in grado di esprimere attraverso oggetti tridimensionali una realtà percepita che suggerisce uno scenario ricco di allusioni e fertili riferimenti.

Atelier Biagetti No Sex

Atelier Biagetti: No Sex. Photo Delfino Sisto Legnani, Marco Cappelletti. Courtesy of Atelier Biagetti

In questa epoca in cui il sesso virtuale sta prendendo il sopravvento e il corpo è oggetto di manipolazioni ed eccessi, i due autori hanno creato “No Sex”, una clinica-rosa o meglio una pleasure-house pensata come un’oasi trascendentale, un luogo dove ripensare al proprio corpo in relazione a quello degli altri, dove gli oggetti sono pronti ad attivare memorie e scatenare connessioni inaspettate. Le forme spazio-temporali a volte antropomorfe e sensuali, dai toni neutrali rivelano un set quasi virtuale dove la materia si dichiara e invita al contatto fisico oppure sfugge alla percezione suggerendo relazioni particolari.

Atelier Biagetti No Sex

Atelier Biagetti: No Sex. Photo Delfino Sisto Legnani, Marco Cappelletti. Courtesy of Atelier Biagetti

Il day-bed può ricordare quello di un dottore ma anche quello di una massaggiatrice, si rivela come un oggetto post-ergonomico in pelle chiara e caucciù adatto per rilassarsi, pensato per uno, abbastanza grande per due. Le lampade da terra dalla testa circolare hanno luci led che ricordano, con i loro lunghi becchi e i loro colli articolati in alluminio, uccelli esotici che sembrano muoversi nell’ambiente senza perderti mai di vista. Alcuni oggetti sono presentati come gemelli eterozigoti – simili in aspetto ma differenti per sostanza –, e creano un dialogo sottile e silenzioso con il paziente/cliente.

Atelier Biagetti No Sex

Atelier Biagetti: No Sex. Photo Delfino Sisto Legnani, Marco Cappelletti. Courtesy of Atelier Biagetti

Dietro un separé, lo sgabello e la sedia dalle otto ruote trasparenti, ci accolgono sui morbidi sedili a soffietto in pelle, dalla manifattura preziosa. Domina questa scena lo specchio a figura intera con lettere incise mentre l’intero scenario è illuminato da un sensuale chandelier dove la luce led è filtrata dal lattice traslucido. Ogni oggetto parte della collezione “No Sex” è prodotto a mano a Milano e concepito come edizione unica o limitata a un numero prestabilito di esemplari, numerati e firmati dagli autori. Un pezzo speciale della collezione sarà prodotto da Seletti in edizione illimitata; si tratta di uno specchio luminoso di colore rosa che assume un valore simbolico perché, all’ingresso della mostra, darà a ogni visitatore la possibilità di confrontarsi con se stesso.


No Sex
Design
: Atelier Biagetti
Curator: Maria Cristina Didero