Guardando agli anni ‘60 - Salone 2016 - Domus
Guardando agli anni ‘60
 

Guardando agli anni ‘60

Con un tavolo gonfiabile che ripensa a un passato improntato alla sperimentazione Philipp Beisheim vince il primo premio riservato ai giovani progettisti del Satellite. #MDW2016

 

Salone 2016 / la redazione di Domus

Quando arriviamo allo stand del vincitore del Salone Satellite Award, il tavolino gonfiabile che si è guadagnato i favori della giuria non c’è. Troviamo invece una serie di tavolini e un sistema di mensole modulari in legno molto minimali che non sembrano appartenere alla stessa mano che ha realizzato quel progetto in tela gommata e impermeabile. Invece sì, e il giovane tedesco che si aggira nello stand parte a recuperare per noi l’unico esemplare che aveva portato a Milano.

Philipp Beisheim, SaloneSatellite 2016

In apertura: Studio Philipp Beisheim, allestimento. Sopra: Philipp Beisheim, tavolino gonfiabile vincitore del SaloneSatellite Award 2016

Scopriamo così che il progetto vincitore non è l’ultimo di quelli da lui realizzati ma un progetto in evoluzione da tre anni nato dal fascino che la tela gommata aveva esercitato su Philipp Beisheim, trentenne designer tedesco, ma cresciuto in Sud Africa a Johannesburg fino all’età di 11 anni, quando si è trasferito a Würzburg dove in seguito avrebbe seguito un corso per realizzare mobili in legno, avrebbe studiato design alla Academy of Crafts and Design di Würzburg e avrebbe infine completato il proprio percorso didattico con un master in product design al Birmingham Institute of Art and Design, in Inghilterra. Dopo esperienze in studi di altri designer – in Inghilterra, Belgio e Germania, ora vive e lavora a Francoforte.

Philipp Beisheim, SaloneSatellite

Philipp Beisheim, tavolino gonfiabile vincitore del SaloneSatellite Award 2016

Dopo averci mostrato il funzionamento e la stabilità del suo progetto, ce ne racconta la genesi. “Questo tavolino vuole combattere l’iperconsumismo della nostra società e la necessità di non sprecare le nostre risorse. È un oggetto facile da usare, da trasportare e bello, sulla scia dei progetti dei mobili gonfiabili che hanno fatto la loro comparsa negli anni Sessanta. È realizzato con un tessuto in poliestere e neoprene altamente resistente che si chiama Hypalon”.

Philipp Beisheim

Philipp Beisheim, tavolino gonfiabile vincitore del SaloneSatellite Award 2016

Lo stesso principio di semplicità di utilizzo è alla base anche di un altro bel progetto che troviamo nello stand, il sistema di mensole modulari SF che assembla a incastro, senza l’aiuto di viti o perni. La sua struttura è frutto delle competenze maturate da designer nella lavorazione del legno: in un basamento orizzontale si fissano verticalmente dei telai e, allo stesso modo, si alloggiano dei pannelli che danno all’insieme solidità formale e funzionale.


12–17 aprile 2016

Philipp Beisheim
SaloneSatellite
Fiera Milano Rho